La festa si trasforma in rissa
Accoltellati due giovani

MACERATA - Un marocchino è in prognosi riservata. Un ragazzo colombiano è stato ferito ad una gamba. Arrestati due fratelli tunisini di 22 e 28 anni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

litorale-sicurodi Alessandra Pierini

Una festa tra cittadini di origini sud americane  nei pressi di piazza Garibaldi a  Macerata si è trasformata nella notte in rissa. Le liti violente  tra i partecipanti, probabilmente  per motivi legati allo spaccio di stupefacenti, hanno fatto registrare pesanti conseguenze: un 22enne di origini marocchine è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Macerata e un altro ragazzo, di origini sud americane che aveva partecipato alla festa con la fidanzata è stato ferito con un’arma da taglio alla gamba.

Poco dopo la mezzanotte, la “Volante” è intervenuta in piazza Garibaldi ove nei pressi del bar King era stata segnalata una violenta rissa nel corso della quale una persona era stata accoltellata. Sul posto, gli agenti, hanno trovato il giovane marocchino colpito da tre coltellate alla schiena e nell’arco di breve tempo hanno ricostruito la dinamica del fatto riuscendo a bloccare due giovani tunisini entrambi residenti a Macerata ritenuti responsabili del reato. Da una prima ricostruzione dei fatti e dal racconto di alcuni testimoni, è emerso che la lite tra i tre giovani, due tunisini da un lato e il giovane marocchino poi rimasto ferito, sarebbe scaturita per motivi legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e che era in corso una festa tra cittadini di origine sud-americana la maggior parte dei quali in stato di ebbrezza alcolica nei giardinetti sottostanti piazza Garibaldi. Nel trambusto, sarebbe scoppiata la violenta lite tra il cittadino marocchino ed un tunisino a cui subito dopo ha dato manforte il fratello armato di coltello che lo avrebbe colpito ripetutamente alle spalle provocandogli gravi lesioni che hanno provocato il “collasso di un polmone” per cui si è reso necessario il ricovero in ospedale. I due tunisini, rispettivamente di 22 e 28 anni ed in regola con il permesso di soggiorno, ritenuti responsabili dei reati di lesioni aggravate in concorso tra loro, sono stati successivamente arrestati e si trovano ora nel carcere di Camerino. Uno di loro dovrà rispondere anche di porto di coltello e spaccio di sostanze stupefacenti. Le ricerche del coltello, anche a causa dell’abbondante vegetazione e anfratti presenti nella zona, hanno dato esito negativo.

Mentre era in corso l’attività di Polizia Giudiziaria,  un altro equipaggio della “Volante” ha raggiunto il quartiere Pace dove era stata segnalata una persona con una ferita probabilmente da arma da taglio all’interno di un’abitazione. Sul posto stava già operando il  personale del 118. Gli agenti hanno identificato un giovane di origini colombiane il quale presentava una importante ferita da taglio alla gamba destra. Anche a terra, davanti all’ingresso dell’abitazione in cui aveva trovato rifugio il giovane, in uso ad una famiglia di origini sud-americane, erano presenti numerose e vistose macchie di sangue. Sono tuttora in corso accertamenti volti a verificare il ruolo del giovane colombiano il quale, con la propria fidanzata aveva preso parte alla “festa” organizzata nei giardinetti di piazza Garibaldi. E’ evidente che il potenziamento del controllo del territorio porta i suoi frutti anche perché, com’e’ noto, la gran parte dei fatti criminosi piu’ cruenti avvengono nelle ore serali e notturne nonchè alle prime ore dell’alba.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X