Movida e rumori molesti dagli chalet
Aut aut del sindaco

PORTO RECANATI - Drastica la Ubaldi: “La situazione è insostenibile: è l’ultimo appello ai locali del costa nord di Scossicci e della costa sud di Santa Maria in Potenza: li invito al rispetto delle ordinanze di emissioni sonore e degli orari e al rispetto degli altri”
- caricamento letture

FESTA-1-300x200di Stefano Palanca

Volume al massimo, mescita incontrollata in alcuni casi e conseguenti lamentele di quanti, nelle ore notturne, vorrebbero dormire.

I villeggianti e i residenti di Porto Recanati insorgono e il sindaco Ubaldi invita gli chalet a rispettare le ordinanze sotto ogni punto di vista.

E’ un appello accorato quello di Rosalba Ubaldi, sindaco di Porto Recanati, punta di diamante del turismo maceratese ma anche di quello marchigiano,terza per presenze turistiche dopo Senigallia e San Benedetto.

“La situazione è insostenibile: è l’ultimo appello ai locali del costa nord di Scossicci e della costa sud di Santa Maria in Potenza: li invito al rispetto delle ordinanze di emissioni sonore e degli orari e al rispetto degli altri”. Ne avevamo già parlato da queste pagine ma la voglia di divertirsi, forse, sta prendendo il sopravvento e l’estate è anche questo: musica, allegria, divertimento da una parte; schiamazzi, frastuono, insonnia dall’altra. Il sindaco Ubaldi non si schiera contro i locali di intrattenimento ma esige rispetto. “Non è più tollerabile che la gente non riesca a dormire perché dagli chalet arrivano musica e altri rumori molesti, causati dalla clientela, per lo più giovinastri. Il prossimo va rispettato, non si può solo pensare a servire i propri clienti”.

FESTA-2-300x200L’altro punto su cui fa leva il sindaco è la somministrazione degli alcolici. “Invito anche i gestori dei locali a rispettare la legge sulla mescita degli alcolici. I minori vanno salvaguardati e non possono essere date loro bevande alcoliche. Per quel che riguarda sempre la mescita, poi, anche i maggiorenni non possono consumare dopo l’orario consentito dalla legge” spiega il sindaco Ubaldi. Le multe, infatti, per tutte queste infrazioni, sono salate. Dopo due sanzioni, poi, scatta l’eventuale chiusura del locale: e son dolori!

Ultimo, ma non ultimo, l’invito generico e generale agli chalet a fornire prestazioni da chalet. “Gli chalet devono fare gli chalet perché non possono essere discoteche all’aperto come altre che, invece, rispettano le regole. Le forze dell’ordine controlleranno e le sanzioni sono dure” conclude il primo cittadino.   

sindaco1-e1336409981479-278x300

Il sindaco Rosalba Ubaldi

 

 

 

 

 

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X