Macerata Opera esce dallo Sferisterio
e invade la città

Presentato il Festival Off sostenuto quasi interamente dai privati
- caricamento letture

 

festival-off_CLV8208-300x221

Da sinistra, Francesco Micheli, Romano Carancini, Massimiliano Bianchini, Alberto Simonetti

Il Festival esce dallo Sferisterio e coinvolge la città: invade i teatri, le strade, i cortili, le piazze. L’opera, terreno naturale di incontro e convergenza tra le arti, dialoga con la letteratura, la filosofia, l’arte, la musica contemporanea, la canzone. E lo fa rivolgendosi a tutti: dai bambini che saranno il pubblico di domani, ai giovani che possono identificarsi al meglio nelle storie estreme di Violetta, Mimì e Carmen, a tutti i cittadini e agli ospiti di Macerata, attraverso spettacoli, concerti incontri, mostre e conferenze che dal martedì alla domenica dimostreranno la vitalità e l’attualità della tradizione del melodramma.
“Abbiamo voluto portare la magia dello Sferisterio fuori dall’arena – ha affermato il direttore artistico Francesco Micheli, durante la presentazione di questa mattina nel foyer del teatro Lauro Rossi -. Con le associazioni culturali abbiamo intessuto un rapporto che vogliamo duri negli anni. Ogni giorno della settimana che precede le serate in arena sarà come un settimana santa laica che esploderà allo Sferisterio e che avrà una proposta per ogni palato. Un grazie al main sponsor che, come i mecenati di molti anni fa, ha deciso di sostenere un progetto culturale come il nostro”.
L’iniziativa, che prende forma per il primo anno a Macerata, infatti, è sostenuta quasi interamente dai privati. Main sponsor è F.lli Simonetti Spa. Gli altri sostenitori sono: Gabrielli spa, Clementoni spa, Unicredit Banca, Confartigianato di Macerata, Ordine dei Commercialisti della provincia di Macerata, Consulenti del lavoro della provincia di Macerata, Ordine dei Geometri e degli Avvocati della provincia di Macerata.
“Abbiamo risposto subito con interesse alla partnership che ci è stata proposta dall’Associazione Sferisterio – dichiara Alberto Simonetti, titolare dell’impresa che porta il suo nome – che con il Festival Off offre una opportunità importante alla cultura del territorio. Anche il privato soffre, ma dobbiamo ripartire. Ripartire proprio dalla cultura, dall’arte. Per questo ci crediamo, per questo la sosteniamo”. E un riconoscimento arriva anche dal presidente dell’Associazione Sferisterio Romano Carancini che sostiene come “il Festival Off sia la grande novità della stagione che può aprire scenari interessanti e varie progettualità”. Concorda l’assessore provinciale alla Cultura Massimiliano Bianchini che sottolinea l’importante collaborazione tra il pubblico ed il privato, “possibile solo laddove c’è un progetto forte e valido”.
festival-off_CLV8223-300x199Ecco la proposta culturale del Festival Off.
Il martedì è “Young”: la serata dei bambini, con il “Flauto magico tascabile”, i laboratori e giochi musicali, e il concerto del Coro Pueri Cantores di Macerata “A Night at the opera”. Per i giovani il ciclo “Opera Pop”: tre appuntamenti dedicati al rapporto tra la grande tradizione operistica e la canzone e la musica pop. I titoli spiegano tutto: Da Verdi a Mina; Da Puccini a Morricone e Da Bizet a Brel.
Il Mercoledì è “Mania”. Il Teatro Lauro Rossi ospita tre concerti: apre il 25 luglio la musica antica con “Nuvole Barocche”, un concerto diretto da Marco Mencoboni; il 1° agosto un omaggio a Stefano Scodanibbio, il geniale contrabbassista maceratese scomparso all’inizio dell’anno, a cura di Rassegna Nuova Musica; infine l’8 agosto Andrea Concetti festeggia con il recital “Vent’anni all’Opera” i suoi primi due decenni di carriera.
Il giovedì è “Extra” e prevede tre grandi momenti: lo spettacolo di Roberto Bolle, la serata di gala in omaggio a Mario Del Monaco e la Notte dell’Opera.
Nel corso del fine settimana anche gli “Aperitivi culturali” organizzati da Sferisterio Cultura (a mezzogiorno agli Antichi Forni) in cui artisti, giornalisti e filosofi indagano i temi della stagione lirica. Alle 19, invece, il centro storico si anima con i Reading con musica dal vivo di “Pomeridiana”, a cura di Adam – Accademia delle Arti Macerata.
Negli ultimi tre giorni del Macerata Opera Festival (10-11-12 agosto) nella proposta culturale si inseriscono anche i concerti “Voci d’organo”, alle 18 alla Basilica di S. Maria della Misericordia, in collaborazione con Marche Organi e Coro Lirico Marchigiano “Bellini” (progetto “Refresh!”, a cura del Consorzio Marche Spettacolo).
Il percorso del Festival Off è completato da due mostre: dal 14 luglio al 30 settembre i Musei civici di palazzo Buonaccorsi ospiteranno “Violetta, Carmen, Mimì – Percorsi al femminile dallo Sferisterio ai musei civici di Macerata”, mentre l’Accademia delle Belle Arti di Macerata propone “Anti-Accademica”, un programma di installazioni in centro storico dal 17 luglio al 12 agosto. La maggioranza delle manifestazioni è ad ingresso gratuito per consentire la massima partecipazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =