Incidono la scritta A.C.A.B.
sul cofano dell’auto del maresciallo

La vittima è il comandante della Stazione di Loro Piceno, Massimiliano Carrino. La sua Passat nuova è stata rigata su entrambe le fiancate. Ignoti i motivi del gesto: vandalismo o ritorsione?
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

ACAB-FILM-2-300x183Ammontano a diverse migliaia di euro i danni provocati dalla persona (o dalle persone) che nottetempo hanno preso di mira l’auto del maresciallo Massimiliano Carrino, comandante della Stazione dei carabinieri di Loro Piceno, solcando le fiancate con un chiodo fino ad arrivare a scolpire sul cofano l’acronimo inglese A.C.A.B., all cops are bastards, che suona più o meno come “gli sbirri sono tutti bastardi”. Acab è anche il titolo di un film distribuito un mese fa nelle sale cinematografiche italiane, tratto da un libro di Carlo Bonini nel quale vengono raccontati episodi di violenza da parte delle forze dell’ordine.  Il maresciallo Carrino aveva lasciato la sua Volkswagen Passat praticamente nuova parcheggiata a Passo Sant’Angelo e quando è tornato a riprenderla ha fatto l’amara scoperta. Ai colleghi che stanno svolgendo le indagini ha raccontato tutti gli elementi utili in qualche modo a scoprire l’identità del vandalo. Gli inquirenti, però, sembrano scartare l’ipotesi del gesto di ritorsione o della vendetta, in quanto nel curriculum di Carrino non ci sarebbero operazioni tali da far pensare a questa eventualità. Le indagini sembrano indirizzarsi più sulla bravata compiuta da qualcuno che magari voleva mettersi in mostra davanti agli amici. Di certo, però, chi ha colpito sapeva perfettamente quale macchina danneggiare e a chi appartenesse. Ma visto l’ambito piuttosto ristretto del territorio di competenza della Stazione di Loro Piceno, non è escluso che a breve il vandalo (o i vandali) possa essere identificato.

r. s.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X