Spunta un progetto per Rampa Zara
Via libera al campo da calcio
a Villa Potenza

Importanti progetti in via di definizione a Macerata. Svolta nel cuore della città per l'attesa struttura per il parcheggio. Il Consiglio approva invece la delibera relativa al PCL 22 che prevede anche un campo sportivo a Villa Potenza. Sulla votazione il Pdl si spacca: Carbonari, Luciani e Guzzini non seguono l'indicazione del capogruppo Pistarelli
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
macerata_panoramica-1-300x190

Una panoramica dell'area in cui dovrebbe sorgere il parcheggio (foto Picchio)

di Alessandra Pierini

La pedonalizzazione del centro storico, dopo una lunga sosta, ha subito negli ultimi giorni una forte accelerazione. La chiusura di corso Matteotti annunciata da Romano Carancini nella riunione di maggioranza della scorsa settimana è destinata ad essere attuata in breve, dopo un necessario passaggio in giunta per deliberare l’acquisto del pilomat. Il provvedimento modificherà in maniera netta  la circolazione in centro storico e ridefinirà  il modo di vivere il cuore della città di Macerata.
Questa piccola rivoluzione ripropone però con forza un problema mai risolto che è quello dei parcheggi e, in particolare, del tanto discusso parcheggio di Rampa Zara che torna prepotentemente d’attualità. L’opera è inserita nel programma amministrativo del sindaco Carancini, se ne discute da decenni ma in realtà finora non si è andati oltre qualche studio di fattibilità.
rampa_zaraIn questi giorni invece il parcheggio di Rampa Zara avrebbe subito un significativo scossone in avanti. Sembra infatti che  Domenico Intermesoli, imprenditore maceratese, abbia già preparato un progetto dettagliato per un parcheggio nelle immediate vicinanze di Rampa Zara. Nei giorni scorsi Intermesoli e il vescovo di Macerata Claudio Giuliodori sono stati notati anche durante  un sopralluogo in via Berardi, nei pressi dei bagni pubblici, in un locale di proprietà della Curia. Sarebbe proprio in quella zona, vicino all’ ex monastero delle suore domenicane, meglio conosciute in città come “monachette”, che dovrebbe arrivare l’attracco al centro storico.

Grandi novità dunque nella conformazione della città “dentro le mura” ma piccola rivoluzione anche per Villa Potenza. Oggi pomeriggio infatti, dopo un lunghissimo iter che va avanti dal 2009, è stata approvata dal consiglio comunale la delibera relativa al PCL 22 che, nel dettaglio, consentirà finalmente di realizzare delle nuove strutture sportive per la frazione. Nel voto finale dell’atto il Pdl, maggior partito di opposizione, si è spaccato. L’indicazione del capogruppo Fabio Pistarelli di astenersi non è stata seguita da Claudio Carbonari e Francesco Luciani, componenti della Commissione Ambiente e Territorio, e da Marco Guzzini il quale risiede a Villa Potenza e ha seguito con attenzione l’evolvere della questione.

Pistarelli-Fabio

Fabio Pistarelli in Consiglio comunale

Al termine della discussione e dopo l’approvazione di due emendamenti presentati da Carbonari, Pistarelli ha annunciato, nelle dichiarazioni di voto, l’intenzione di astenersi. Il sindaco Carancini lo ha subito ripreso: «Vi astenete su un’opera imoportante per Villa Potenza. Io non faccio fatica ad ammettere dei limiti del Piano Casa ma sta di fatto che oggi la scelta è che l’amministrazione e la maggioranza voteranno per la prosecuzione dei lavori e la realizzazione degli impianti sportivi a Macerata». Dura la reazione a microfoni spenti del leader del Pdl che si è alzato dal banco e uscendo dall’aula ha replicato con veemenza: «Come mai non parli delle cubature? Vergognoso, ci prendi in giro». A questo punto Claudio Carbonari ha comunicato il suo voto difforme: «Io, Luciani e Guzzini per l’impegno profuso voteremo a favore di questa delibera. Noi siamo al nostro primo mandato elettivo effettivo perciò abbiamo deciso di esercitare il nostro diritto al voto per il bene della città». Dopo la votazione Pistarelli ha spiegato: «La linea del partito è quella che ho indicato. Non abbiamo mai condiviso il Piano Casa e il suo contenuto e siamo contrari ad ogni sua applicazione. In questo caso abbiamo deciso di astenerci vista l’utilità della realizzazione di impianti sportivi per la città. Dei consiglieri hanno deciso si seguire un’altra strada ma confermo la linea del partito».

consiglio_comunale_12102010_18-300x200

Fabrizio Nascimbeni, consigliere comunale di Macerata è nel Cuore-Lista Ballesi

Divorzio anche tra Macerata è nel Cuore e Lista Ballesi. Le due civiche si erano avvicinate qualche mese fa ma in seguito alla scelta di Giorgio Ballesi di difendere il privato nella vicenda “cittadella dello sport”, Nascimbeni e D’Alessandro hanno deciso di chiedere la separazione. Dovranno però attendere: «La richiesta è arrivata troppo tardi – ha spiegato il presidente del Consiglio Romano Mari – e non mi è stato possibile avviare la procedura».

La delibera è stata votata favorevolmente da tutta la maggioranza con i tre consiglieri del Pdl, Massimo Pizzichini e Ivano Tacconi dell’Udc. Si è astenuto il resto del Pdl mentre Francesca D’Alessandro e Fabrizio Nascimbeni di Macerata è nel Cuore hanno espresso il loro voto contrario.
L’atto ha come  oggetto lo schema di convenzione tra l’amministrazione e la VI.PO. Marche srl che prevede una lottizzazione di 30 mila metri cubi di cui 25 mila residenziali e 5 mila commerciali e la possibilità di utilizzare un’area denominata PP10 per la realizzazione del campo da calcio. Gradimento è arrivato da Massimo Pizzichini dell’Udc che ha parlato di «un’area fondamentale», da Marco Gasparrini del Pd che si è rallegrato per il raggiungimento di un importante obiettivo e da Marco Guzzini che ha definito quella di oggi «una giornata cruciale»

carbonari2-300x200

Claudio Carbonari in Consiglio comunale

Due sono stati gli emendamenti presentati da Claudio Carbonari, il primo per rivedere la filosofia generale del Piano Casa e l’altro per stabilire dei tempi certi: «Il Piano Casa – ha detto il consigliere –  è nato con l’idea di fondo della cessione di un contributo o di un’area a fronte di variazione d’uso. A Villa Potenza, l’operazione è stata pensata perché la frazione aveva bisogno di strutture sportive. Tutti gli oneri del piano casa dovevano essere usati per la valorizzazzione della viabilità e per opere importanti, oggi vengono usate invece per le spese correnti. Le risorse del PCL 22 dovranno essere utilizzate all’interno della lottizzazione. In secondo luogo, il campo doveva essere completato a luglio dell’anno scorso ma siamo ancora alla pre firma della convenzione perciò vanno posti dei limiti temporali».
Gli emendamenti sono stati accolti e la delibera approvata. Ora Villa Potenza e in particolare l’Helvia Recina Calcio attendono che le “carte” diventino concrete realtà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X