Verifica rimandata
Continua la guerra delle mozioni di censura

Dopo il Pdl, anche Massimo Pizzichini(Udc) presenterà un documento nel Consiglio del 10 e 11 ottobre. Entro il 5 ottobre dovrà essere scelto il presidente dell'Apm per evitare il Commissariamento
- caricamento letture
V4D2803-300x212

Riccardo Sacchi, Fabio Pistarelli e Deborah Pantana

 

di Alessandra Pierini

La verifica amministrativa che doveva concludersi oggi andrà avanti ancora per qualche giorno. La riunione delle forze di maggioranza, prevista per questa sera, è stata infatti rinviata a data da destinarsi in seguito al grave lutto che ha colpito Roberto di Fede, segretario di Rifondazione Comunista, che ha perso la mamma. 
Intanto però la situazione, già tesa, sembra aggravarsi. “Sotto processo” c’è sempre il sindaco Romano Carancini che nel prossimo consiglio comunale che si svolgerà  il 10 e l’11 ottobre dovrà rispondere a ben  due mozioni di censura, una annunciata la scorsa settimana dal Pdl (leggi l’articolo) e relativa alla questione Apm, alla quale si aggiunge quella del consigliere Massimo Pizzichini (Udc) che, per la stessa vicenda, in nome di una riscossa dell’etica della politica,censura non solo Carancini ma anche il precedente Presidente e il precedente consiglio d’amministrazione dell’Apm per aver proposto e deliberato l’affidamento di incarico all’allora capogruppo del Pd.
«Al di là delle disposizioni di legge sempre da rispettare – scrive Pizzichini nella mozione – è inopportuno che un consigliere comunale nella fattispecie anche capogruppo del Pd approfitti del suo status per ricevere incarichi da società partecipate dal Comune che in tale incarico si è protratto anche quando è stato nominato Sindaco».

Consiglio_comunale_novembre_2010_09-300x200

Massimo Pizzichini (Udc)

Come se non bastasse, sembra che tra i banchi del Pd si lavori per redarre un altro documento. Si tratterebbe in questo caso di un ordine del giorno che come tale dovrà essere firmato da dieci consiglieri ed eventualmente presentato prima dell’inizio del prossimo consiglio. 
Mentre le questioni politiche assorbono parecchie energie, restano in campo decisioni importanti da prendere quanto prima. La prima scadenza è quella del 5 ottobre, data entro la quale dovranno essere nominati il Presidente e i componenti del consiglio di amministrazione dell’Apm per evitare il commissariamento della Società Partecipata. Sempre il 5 ottobre sarà un giorno importante per la trattativa Smea Cosmari visto che si riunirà il cda del Consorzio. Intanto la città continua ad attendere delle risposte su tante questioni sottolineate in questi mesi, non ultima la situazione della scuola elementare Salvo D’Acquisto di via Panfilo, per la quale Francesca D’Alessandro di Macerata è nel Cuore continua a dar battaglia all’amministrazione e presenterà una mozione.

carancini-replica-1-300x220

Il sindaco Carancini durante la conferenza stampa di questa mattina

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X