A Vibo l’hurrà della Lube
arriva al tie break

Omrcen e Savani implacabili come al solito. Mercoledì si replica la sfida al Fontescodella per i quarti di finale della Coppa Italia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Vibo-Lube

La Lube Banca Marche apre il girone di ritorno della Regular Season con una vittoria al tie break sull’insidioso campo di Vibo Valentia (21-25, 25-19, 25-13, 23-25, 15-9) che interrompe la striscia positiva di quattro vittorie consecutive dei calabresi. Con Martino costretto a casa dall’influenza e Conte fresco convalescente dal problema alla caviglia che torna regolarmente in campo dopo tre gare di stop forzato (dal secondo set verrà sostituito da Lampariello), la squadra di Berruto è praticamente irriconoscibile nel parziale d’apertura ma (trascinata in attacco da Omrcen, Mvp come sempre micidiale anche al servizio, e Savani, e con un sontuoso Paparoni in difesa) vince d’autorità i due set successivi, dando nel quarto la netta impressione di poter tornare dalla Calabria con l’intera posta in palio. Poi, avanti 16-12, subisce un parziale di 11-5 dalla Tonno Callipo, che confeziona la rimonta conquistando un quinto set che si rivelerà comunque a senso unico per la Lube Banca Marche. Per i maceratesi si è trattata della terza vittoria stagionale al tie break (dopo Latina e Roma), sui cinque giocati nel complesso (sconfitte con Trento e Modena). Mercoledì la sfida con la formazione allenata da Vincenzo Di Pinto si ripete: stavolta al Palasport Fontescodella di Macerata (ore 20.30, domattina riparte la prevendita dei biglietti presso la segreteria biancorossa), per i quarti di finale della Coppa Italia 2011. In palio c’è la final four in programma nel prossimo week end a Verona.

La cronaca
1° SET – Martino fermato dall’influenza, Berruto ritrova però Conte ed il tecnico biancorosso Berruto lo ripropone dall’inizio in posto 4 in diagonale con Savani; per il resto Vermiglio al palleggio con Omrcen opposto, Podrascanin e Stankovic sono i centrali, Paparoni il libero. Padroni di casa in campo con Coscione-Simeonov, Barone-Nikolov, Anderson-Rivera, Fanuli libero. Le cose si fanno difficili per i biancorossi quando Simeonov piazza su Omrcen il muro del 15-8, a scuotere i suoi ci prova Savani con l’ace del 10-15, ma il tentativo resta un fuoco di paglia. Anderson trova il muro del 17-10, sul 17-12 i padroni di casa devono sostituire per infortunio Barone con Baroti. Sembra finita, ma la riscossa dei biancorossi è dietro l’angolo, ed arriva con il turno al servizio di Omrcen: l’attacco out di Anderson vale il 19-21, quindi il muro di Podrascanin su Simeonov che vale addirittura il -1. I giochi si chiudono però quando gli arbitri giudicano lunga una palla attaccata da Omrcen: è il 23-20 per Vibo, che vince il set 25-21 dopo un mani-out vincente di Simeonov.

2° SET – La partenza buona stavolta è per i biancorossi, che provvedono a sistemare la ricezione inserendo Lampariello al posto del convalescente Facu Conte. Alla seconda sosta tecnica la squadra di Berruto conduce 16-10, quindi Stankovic firma il primo tempo del 18-12 e Omrcen il contrattacco vincente del +7 (20-13). Bellissimo il punto del 21-15, che matura per un fallo di invasione della Tonno Callipo, a chiudere un lungo scambio che mette in evidenza le strepitose potenzialità in difesa di Alessandro Paparoni, che strappa applausi anche al pubblico di casa. La Lube Banca Marche conquista con Lampariello il punto del 24-19 (ancora una gran difesa di Paparoni), quindi chiude 25-19 grazie all’attacco out di Simeonov.

3° SET – Resta in campo Lampariello nei biancorossi, Lube avanti11-7 con l’attacco out di Simeonov, 12-7 dopo quello vincente di Omrcen, innescato sulla rigiocata da Valerio Vermiglio. Il bomber croato trova anche l’ace del 16-8, cercando di potenza il libero di casa Fanuli, e sul servizio successivo consente a Podrascanin di contrattaccare di prima intenzione per il +9. Finisce addirittura 25-13.

4° SET – Rivera spara out un attacco che vale il 15-12 dei maceratesi, avanti 16-12 dopo il contrattacco vincente ancora di un superlativo Igor Omrcen. Ma non è finita: Omrcen viene murato per il 19-18, poi la parità sempre a quota 19, dopo un attacco out di Savani. Tonno Callipo in vantaggio 20-19 con un ace di Rivera, sulla battuta di Ananiev Berruto inserisce Cacchiarelli in seconda linea per rafforzare la ricezione. I padroni di casa trovano un break sul 23-21 con un contrattacco di Anderson (parziale di 11-5 favorevole ai calabresi), poi sciupano la palla del +3 ancora con lo schiacciatore americano che spara out (22-23). Lo imita anche Simeonov nell’azione successiva, riportando la situazione in parità a quota 23. Ma colpisce ancora Anderson, firmando il 25-23 che vale il tie break.

5° SET – Comincia bene la squadra maceratese, avanti 4-1 grazie ad un ace di Stankovic. Vibo torna a -1 con un muro di Anderson su Omrcen (3-4), che si riscatta nell’azione successiva firmando il 5-3. Rivera mette a terra il pallone della parità a quota 6, i biancorossi hanno comunque un break di vantaggio al time out tecnico, grazie ad un errore di Simeonov. Il +3 arriva sul 10-7 con un muro vincente dei maceratesi, che si portano successivamente sull’11-7 costringendo Di Pinto a fermare il gioco con un time out. Omrcen firma il 14-9 che vale cinque match point, la Lube Banca Marche chiude subito.

Il tabellino:

TONNOCALLIPO VIBO VALENTIA: Rivera 18, Coscione, Feroleto, Suljagic n.e., Anderson 20, Ferraro, Kindgard, Baroti 1, Simeonov 15, Ananiev 2, Barone 1, Fanuli (L), Nikolov 7. All. Di Pinto.

LUBE BANCA MARCHE: Lampariello 3, Savani 21, Paparoni (L), Vermiglio, Marchiani n.e., Conte, Stankovic 13, Vadeleux n.e., Van Walle n.e., Cacchiarelli, Omrcen 28, Podrascanin 8. All. Berruto.

ARBITRI: Cipolla (PA) – Pozzato (BZ).

PARZIALI: 25-21 (27’), 19-25 (23’), 13-25 (23’), 25-23 (32’), 9-15 (14’).

NOTE: Spettatori 1700, incasso euro. Vibo bs 20, ace 4, muri 8, errori 37. Lube bs 18, ace 6, muri 10, errori 30.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X