Sakineh e Teresa Lewis:
distrazioni e amnesie

Opinioni
- caricamento letture
sakineh1-300x225

La gigantografia sul Palazzo del Comune di Maceratta

di Roberto Scorcella

A Macerata campeggia la sua gigantografia con scritto “Per la vita di Sakineh”, a Tolentino privati cittadini hanno appeso striscioni fuori dalle finestre, a Civitanova lo stesso. Si raccolgono le firme dovunque. Gli appelli si sono moltiplicati. Anche nella nostra Provincia non c’è Comune o associazione che non si sia mobilitata a favore della donna iraniana condannata a morte. In giro, attaccati a finestre e balconi, si vedono anche striscioni inneggianti alla salvezza di Sakineh, una donna che sta avendo quantomeno la capacità di far trovare d’accordo chi invece sulle altre questioni naviga in acque sempre differenti.  E, diciamocelo, gran parte del merito va ai figli di Sakineh.  Questi figli di Sakineh che sono diventati un po’ dei prezzemolini. Anche se, come ci viene costantemente propinato dalla propaganda occidentalista, in Iran non ci sarebbe diritto di parola e espressione, questi due ragazzi riescono costantemente, non si sa come, a riempire colonne e colonne dei quotidiani occidentali.

sakineh

Prima gli appelli per la mamma, poi la denuncia di presunte minacce che addirittura i servizi segreti iraniani avrebbero fatto loro. “Gli agenti dell’intelligence, quando avevano fatto irruzione nell’ufficio del nostro legale, ci hanno minacciati, dicendoci chiaramente che, anche se un giorno dovessimo riuscire a salvare la vita di nostra madre, non avremmo comunque mai pace. Loro ci renderanno la vita insopportabile. Gli agenti hanno poi detto che l’opinione pubblica mondiale adesso è attenta alla vita di nostra madre, ma che, una volta calata l’attenzione, non ci sarà più interesse per questa vicenda e allora la nostra vita sarà rovinata”: ora, ve li immaginate gli uomini dei servizi segreti iraniani, tra Israele e Stati Uniti, irrompere negli uffici del legale della famiglia Sakineh e mandare a dire ai figli che non avranno vita facile? Neanche nei peggiori film americani. Non è molto più probabile che una eventuale vendetta non passi attraverso avvertimenti “mandati a dire” tramite terze persone e arrivi quando meno se lo aspettino? Ieri sono tornati alla carica e, sempre da quel Paese dove non ci sarebbe libertà di espressione, dichiarano alle agenzie di stampa “Nel caso la situazione diventasse critica, chiederemo asilo politico all’Italia”. Non c’erano dubbi sulla nazione che avrebbero scelto per chiedere asilo politico… nel caso in cui la situazione diventasse critica, dichiarazione eloquente che dimostra come non abbiano corso e non corrano alcun tipo di pericolo in Iran.

sakineh2-300x225

La facciata del Palazzo Comunale

Ma come? Solo qualche giorno fa non erano stati minacciati dai servizi segreti iraniani? Questo è solo uno dei tanti passaggi oscuri e controversi di questa vicenda che, mi si perdoni la crudezza, sta diventando quantomeno stucchevole. A questi cari ragazzi, ad esempio, non ho mai sentito rilasciare dichiarazioni o ricordi del padre assassinato (secondo un legittimo tribunale iraniano) in maniera tremenda dalla madre insieme all’amante. Ah, già… dimenticavo. La povera Sakineh è stata costretta a confessare, altrimenti… altrimenti cosa? Se con la confessione è stata condannata a morte, cosa poteva succederle se avesse difeso la sua innocenza? Tutto ciò al di là del fatto che noi (tutti) da qui non abbiamo alcun diritto e alcuna prova né sulla sua eventuale innocenza né sulla sua eventuale colpevolezza. Credo, però, sia legittimo fidarsi di un tribunale di un Paese sovrano sulle cui decisioni nessuno dovrebbe sindacare. A meno che… a meno che non siamo tutti come quel tale che da un Paese occidentale grida e strepita contro i giudici corrotti e manipolati.

E poi l’informazione. Anzi, la disinformazione. Sono settimane, mesi che si sta facendo passare il messaggio che Sakineh “è stata condannata alla lapidazione per adulterio”. Due enormi falsità nella stessa frase.

La prima. Sakineh Mohammadi Ashtani è stata condannata a morte per l’omicidio del marito, di cui è stata giudicata complice (e secondo la legge iraniana, il favoreggiamento o la complicità in un reato non si distinguono dal reato stesso e hanno la stessa pena); per di più un omicidio che uno dei giudici, intervistato dal Washington Post, ha definito “particolarmente brutale”.

La seconda. Il Telegraph, quotidiano inglese, dell’8 agosto 2008 riporta che le lapidazioni sono sospese ufficialmente in tutto l’Iran. In base ad alcune testimonianze dirette di cittadini iraniani, in realtà negli ultimi 20 anni oltre 600 condanne alla lapidazione sono state cancellate e sostituite da una multa e un breve soggiorno (3-4 mesi al massimo) in carcere; inoltre la moratoria era iniziata nel 2002 (http://www.amnesty.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1156). “Questo perchè agli imam iraniani” scrive Antonio Rispoli “non piace l’uso della lapidazione, sistema che consente alla popolazione di sfogare rabbia e risentimento contro estranei. Anzi, c’è di più. Questo articolo fu scritto quasi contemporaneamente al deposito di un progetto di legge, nel Parlamento iraniano, per cancellare la lapidazione dal codice penale”.

Vogliamo aggiungere che negli Emirati Arabi, in Arabia Saudita (14 lapidazioni nel 2008, dati di Amnesty International), in Iraq e in Pakistan, paesi notoriamente sotto influenza americana e dell’Onu, avvengono lapidazioni praticamente a giorni alterni? Oppure vogliamo aggiungere che nel mondo ogni anno la “pena di morte” ammazza circa 8000 persone, almeno 5000 delle quali in Cina? Qualcuno di voi ha avuto notizia di sommovimenti popolari, petizioni, proteste in queste settimane di rivolta pro Sakineh quando in Cina statisticamente sono state uccise circa 500 persone condannate a morte dallo Stato?L’impressione è che si stia (qualcuno inconsciamente, altri volontariamente) cadendo dentro la trappola di demonizzazione dell’Iran iniziata da tempo sul nucleare (l’Iran vuol usare il nucleare per scopi civili, autorizza le ispezioni de L’Aja e viene sanzionato. Israele ha la bomba atomica da tempo immemore e ne può fare ciò che vuole) e che porterà quasi inevitabilmente ad attaccare l’ennesimo Paese sovrano con la scusa di esportare democrazia e civiltà. Esporteremo civiltà in un Paese dove la legge (tanto per fare un esempio) prevede il divorzio richiesto indifferentemente dalla moglie o dal marito, già da diverse centinaia di anni prima che venisse approvato in Italia! Ma questi, si sa, sono i Barbari.

lewis_condannata-400x300-300x225

Teresa Lewis

Se poi i civilissimi Stati Uniti d’America, la nazione che esporta democrazia in tutto il mondo che dieci giorni fa ha eseguito la condanna a morte di una donna di 41 anni legandola ben bene su un lettino in un ambiente asettico, dove un boia armato di siringa le ha iniettato alcune sostanze velenose, ammazzano una disabile mentale cala il silenzio mondiale. Per Teresa Lewis, questo è il nome della donna ammazzata dagli americani, nessuna “premier dame” si è mobilitata, nessun intellettuale si è sentito in dovere di stendere un proclama, nessun Sindaco ha pensato di affiggere manifesti su edifici pubblici. Lo chiedo ai nostri sindaci, quelli degli striscioni sui palazzi comunali: dove eravate mentre una disabile mentale veniva ammazzata in Virginia? Perchè non avete mosso un dito?

Distrazioni, amnesie: perchè quello che è barbaro e inaccettabile in Iran diventa un simbolo di legalità e sicurezza dall’altra parte del mondo? Povera Teresa… non avrebbe mai pensato prima di essere ammazzata che se invece di essere nata negli Stati Uniti fosse nata in Iran oggi sarebbe sicuramente ancora viva.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X