facebook twitter rss

La pioggia batte la Lube
e la musica di Tiziano Ferro

Festa rovinata dal maltempo. Inaugurato dal ministro Rotondi il nuovo stabilimento
sabato 7 agosto 2010 - Ore 17:25 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

di Maurizio Verdenelli

Stabilimento bagnato, stabilimento fortunato. Anche se Luciano Sileoni dal palco si è lasciato sfuggire un desolato “semo sfigati !” Al primo devastante scroscio della bufera che in ritardo di 10’ sul bollettino meteo si è rovesciata su quasi 2800 ospiti Lube.

Erano tuttavia trascorsi 90’ dall’inaugurazione dei nuovi stabilimenti da parte del ministro Rotondi e del vescovo Giuliodori, presente l’assessore Giannini. Una factory scintillante che colloca ora il marchio Lube al top in europa.

Poi tutti –ministro, patrons, autorità, il presentatore Notari e le sue strepitose vallette- al buffet propedeutico alla cena allestita impavidamente all’aperto ai piedi del grande palco.

Scoccavano intanto le fatali 20,20 quando il cielo veniva invaso da una nuvolaia minacciosa banamente esorcizzata da Notari il quale aveva intanto presentato Luciano Sileoni e Fabio Giulianelli agli astanti in parte ancora indecisi se lasciare il riparo dove avevano consumato l’aperitivo affrontanto in campo aperto la cena. Inutilmente Sileoni aveva esortato “i renitenti” eppure “Lauro” (Costa ndr ) a prendere posto . Così sul finire della sua relazione intorno alle carenze infrastrutturali della val potenza, annunciate da un bombardamento di tuoni si sono aperte le cataratte del cielo. Il fuggi fuggi non ha risparmiato alcuno. Neppure mons. Giuliodori che ha avuto appena la forza di sorridere a chi gli parlava di “diluvio universale “ né il ministro soccorso dall’ ex presidente della provincia Capponi, né gli altri ex assessori provinciali (assente Pettinari) .

Tutti quanti a quel punto avevano appena finito di gustare le “ lasagne dello chef” servite da catering bolognese.

Rifugio per tutti lo stesso stabilimento “degli aperitivi” dove si sono registrati spogliarelli semi integrali (tra questi paparazzatissimo quello di Guido Picchio), per liberarsi dei panni fradici ed indossare le magliette Lube .Doveroso separè invece per Rotondi la sua scorta, sponsorizzati anch’essi “ forzatamente “ dall’asciutto indumento messo a disposizione dalla Lube. Centinaia di magliette cuciniere sono cosi “fiorite” all’improvviso tanto da far pensare per assurdo che tutto fosse stato macchinato da un pubblicitario eccentrico nemico delle previsioni meteo!

Se la cena ( a seguire gnocchetti, tacchino, vitello, pollo, panna cotta) è andata in scena seppure self service al coperto, l’unico evento che non è stato possibile mandare avanti è stato il concerto di Tiziano Ferro. Rinviato, con sommo dispiacere di migliaia di ragazzine .

(Foto di Guido Picchio)














© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X