Scoperto un opificio-lager
con cinque cinesi clandestini: due arresti,
neonati fra i materiali tossici

Lavoravano in un casolare di Montecosaro e dormivano in una stalla
- caricamento letture

11-300x200

Nelle prime ore della mattinata di ieri, nell’ambito dei ricorrenti servizi finalizzati alla repressione del fenomeno dello sfruttamento dell’immigrazione clandestina, personale della locale Squadra Mobile della Polizia in collaborazione con quello del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Macerata, ha eseguito un controllo presso un casolare ubicato nel territorio del Comune di Montecosaro, in Contrada Asola  34, adibito ad opificio per la lavorazione delle tomaie.

A conclusione di tale operazione, sono state tratte in arresto la cittadina cinese H.W. di 35 anni residente in provincia di Cremona, ritenuta responsabile del reato di immigrazzione clandestina de il cittadino cinese Z.F.S., di 29 anni, clandestino in Italia,  perché inottemperante a Decreto di Espulsione emesso dal Prefetto di Padova, nel maggio scorso.

Per portare a compimento l’operazione e raggiungere il casolare, gli agenti sono stati costretti a forzare un grosso cancello posto lungo la strada, a circa 300 metri dall’obiettivo che, peraltro, era  vigilato” passivamente” da due sofisticate telecamere collegate ad un monitor posto all’interno del laboratorio, ed in maniera decisamente più “attiva”, da un grosso pastore tedesco.
lab17-300x224

Avuto accesso all’interno dell’opificio ricavato nel casolare, posto in sequestro, si accertava la presenza di una quindicina di postazioni di lavoro, dove venivano rintracciati cinque cittadini cinesi clandestini, quattro dei quali, erano stati alloggiati, con tanto di materassi e sistema idrico con delle tubature “volanti”, all’interno di due distinti locali già destinati a rifugio per gli attrezzi agricoli e/o animali da cortile. Inoltre, per accedere in detti luoghi, è stato necessario abbattere le porte di ingresso, poiché chi vi si trovava all’interno, si era nascosto tra le coperte ed i materassi.

Infine, occorre sottolineare che sono stati rintracciati anche tre minori, rispettivamente, di 5 mesi, 1 e 2 anni, con il loro corredo di passeggini, culle, seggioloni, giocattoli ed alimenti il tutto a stretto contatto con mastici, solventi ed altro materiale ritenuto nocivo per i bambini, fatto che costituirà oggetto di autonoma segnalazione alla competente magistratura minorile.
1-300x200
lab2-300x224
lab12-300x224
lab23-300x224
lab37-300x224



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =