Maulo: “I servizi sociali
per gli immigrati”

- caricamento letture

Maulo2_web

Da Gian Mario Maulo, presidente del Consiglio comunale di Macerata:

“La presenza degli immigrati nella nostra città è in continuo aumento: 1.296 nel 2003, 3.319 nel 2009. Il Comune attua una politica di integrazione, fatta di conoscenza. di valorizzazione, di partecipazione, di formazione e inserimento lavorativo ed abitativo, di servizi mirati.

Significative le attività culturali e informative delle varie associazioni di immigrati: ACSIM, ACAIM, ANOLF, ecc.: a fronte dei servizi svolti, l’Amministrazione stipula con esse convenzioni erogando fondi per una media annuale di € 31.500; rilevante anche la consulenza dei Sindacati, volta soprattutto all’inserimento lavorativo e alla difesa dei diritti.

Determinante il ruolo educativo, culturale, oltre che religioso, della Chiesa impegnata a favorire assistenza, inserimento e integrazione, soprattutto attraverso le Caritas parrocchiali.

Lo Statuto Comunale prevede da tempo un rappresentante eletto degli immigrati ed ha approvato  dal 2003 un ordine del giorno per ammettere  gli immigrati alle elezioni amministrative.  Una percentuale significativa di essi partecipa già all’attività politica, ad esempio nelle elezioni primarie.

Fondamentale importanza ha il centro di pronta accoglienza dell’Associazione Centro di Ascolto che offre servizi informativi, di segretariato sociale, di accoglienza temporanea, mensa, doccia, agli immigrati e agli indigenti di passaggio.

Il Centro Servizi ACSIM realizza iniziative culturali e ricreative, quali lo Yam festival, corsi di lingua italiana, servizi di segretariato sociale, attraverso il proprio sportello informativo e attività di seconda accoglienza attraverso la mediazione sul mercato per il reperimento di alloggi da destinare agli immigrati. Sul piano dell’affermazione dei diritti è di estrema importanza anche l’attività svolta dall’Associazione Ambasciata dei diritti. Dal 2004, in convenzione col GUS e col Ministero dell’Interno, ha avuto inizio il progetto “Macerataccoglie” a favore di rifugiati e richiedenti asilo politico. I soggetti accolti sono aumentati progressivamente nel corso degli anni passando da 32 del primo anno a 81 del 2008. Il costo annuale di circa € 270.000 è a totale carico del Ministero dell’Interno.

Nel 2008, attraverso un finanziamento ministeriale, è stato attivato anche un alloggio sociale per mamme sole con figli, al fine di offrire loro una abitazione provvisoria e un sostegno verso l’integrazione socio-culturale e l’autonomia personale. Rilevante è anche l’impegno per il riadattamento di  bambini con difficoltà di inserimento scolastico, linguistico e sociale.

L’Amministrazione  riconosce agli immigrati residenti le stesse possibilità e condizioni di accesso agli interventi e ai servizi sociali riservate ai cittadini italiani. D’altra parte la maggior parte degli immigrati svolgono un regolare lavoro, principalmente nell’assistenza domiciliare e sanitaria, nel commercio,  nell’edilizia,  nei servizi, contribuendo all’equilibrio sociale ed economico della città .

Le nostre scuole, inoltre, a tutti i livelli, sono impegnate in percorsi di integrazione e di interculturalità che rendono significativo il livello di convivenza soprattutto fra i bambini e i ragazzi.

La città  da tempo percepisce e vive questo stile di accoglienza e di solidarietà, più evidente in occasione di feste in piazza, esposizioni di artigianato, cene interetniche, incontri culturali, festival del folklore. Sono residuali gli atteggiamenti di estraneità, isolati gli episodi di intolleranza, pochi i casi di marginalità , anche se permane una certa indifferenza reciproca che indica quanto resta da fare perché la interculturalità diventi mentalità condivisa.

E’ lontano un millennio quel 31 agosto 1993 quando alcuni immigrati che spandevano oggetti di artigianato in vendita lungo Corso Garibaldi furono inseguiti e il loro materiale sequestrato! Oggi si informa, si forma, si accompagna verso la regolarizzazione delle attività e della permanenza”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X