“Salviamo l’Istituto Salesiano,
Macerata deve svegliarsi”

- caricamento letture

salesiani_zoom

“Sono seriamente preoccupato per i Salesiani, il cui futuro è sempre più incerto a causa della negligenza politica dell’Amministrazione comunale, impegnata in altre situazioni”. A lanciare il nuovo grido d’allarme è Ivano Tacconi, capogruppo dell’Udc al Consiglio Comunale di Macerata. Non bastano a sua detta le rassicurazioni del Comune dopo l’incontro di tre settimane fa tra il sindaco Meschini e il nuovo direttore dei Salesiani, don Dalmazio Maggi, dove si era parlato di tutte le questioni che riguardano il rapporto tra i Salesiani e Macerata. “Abbiamo condiviso un sogno – ha detto don Maggi – rilanciare l’Opera Salesiana, che diventi sempre più importante per tutti i giovani”.
Ai Salesiani è passata buona parte della gioventù maceratese come sottolinea Ivano Tacconi che nel giugno del 2007 ha presentato l’interrogazione “Piano di riqualificazione urbana dell’area di proprietà opera Salesiana a Macerata”. Ma è tutto fermo: “L’Amministrazione comunale ha preso la questione poco seriamente – incalza Tacconi – essendo molto impegnata in altri progetti (vedi via Trento e Valleverde) che invece realizzano molto velocemente. Per questo l’ufficio tecnico ha trascurato le richieste progettuali dei Salesiani che vogliono mettere a norma l’Istituto attraverso l’adeguamento delle strutture a servizio della comunità cittadina e non solo, visto che i Salesiani sono frequentati anche da gente di Umbria, Abruzzo, Molise e Puglia”.
“Da sei anni – sottolinea il capogruppo Udc – i Salesiani presentano, in pieno rispetto del Piano regolatore, un progetto avanzato da un imprenditore disposto a realizzare un parcheggio sotto al campo sportivo, senza ricevere risposte”. E’ più recente invece quella che Tacconi definisce la goccia che ha fatto traboccare il vaso: “Nel maggio scorso è stato presentato un progetto che prevede la costruzione di un complesso residenziale di 17mila metri cubi su uno dei due campi sportivi (sempre quello non deputato ai campionati agonistici, ndr). Il progetto è stato subito sospeso attraverso la mozione presentata in Consiglio Comunale, quasi l’unanimità ha votato contro. Ma il problema è che il Consiglio è svuotato di potere, comandano i poteri forti – accusa Tacconi – perchè quasi tutti gli assessori sono espressione di una lobby politica, eccezion fatta per l’assessorato alla cultura”. Parole forti quelle di Ivano Tacconi che aggiunge: “Purtroppo i Salesiani non hanno fondi a causa delle poche vocazioni, prima i professori erano tutti sacerdoti, ora non è più così e si ritrovano a fronteggiare l’esposizione con gli Istituti di credito, accesa per far fronte alle spese del personale non docente, insegnanti e oneri riflessi per i circa trenta dipendenti. Io non mi perdonerei mai di essere stato consigliere comunale in un periodo in cui non vengono aiutati i Salesiani. Se sono in difficoltà economica una città della Pace e di Maria come si definisce questa Amministrazione dimostri concretamente di esserlo. La mia preoccupazione è che i Salesiani cederanno dinanzi alle loro necessità e si costruirà questo palazzo sopra il campo sportivo. Così non va bene, i Salesiani dovrebbero essere aiutati a priori anche per la serie di attività svolte da Agesci, Masci, Robur e Sermigo, oltre alla società bocciofila. Questo è un tesoro cittadino e andrebbe trattato come tale”. Ivano Tacconi dice di voler iniziare una battaglia: “Macerata deve ribellarsi e i maceratesi non possono continuare ad essere dormiglioni, per questo promuoverò una campagna di sensibilizzazione attraverso la gente. Mi ha fatto molto piacere la mobilitazione di Andrea Angeli, portavoce delle missioni Onu, che ha anche coinvolto il premio Oscar Dante Ferretti per un servizio che un giornale nazionale come Panorama ha dedicato al futuro incerto dei Salesiani di Macerata”. Perchè Andrea Angeli e Dante Ferretti, come tanti altri maceratesi, sono cresciuti ai Salesiani, una realtà presente nel nostro territorio dal 1890.
Matteo Zallocco



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X