Fumogeni lanciati tra i tifosi:
Daspo per due maceratesi

IL PROVVEDIMENTO è stato preso dal questore di Ancona dopo la partita Osimana-Maceratese dello scorso ottobre. I due, di 20 e 40 anni, non potranno accedere alle manifestazioni sportive rispettivamente per 1 e per 5 anni

- caricamento letture

digos_squadra-tifoseriaSono due i Daspo disposti dal questore di Ancona nei confronti di altrettanti tifosi maceratesi che, in occasione dell’incontro di calcio Osimana-Maceratese, valevole per il campionato “Eccellenza Marche” lo scorso ottobre, erano stati ritenuti responsabili di aver acceso dei fumogeni allo stadio lanciandoli poi tra gli spettatori.
Dalle immagini registrate ed estrapolate dalla polizia Scientifica, i tifosi sono stati successivamente identificati dalla Digos di Macerata, grazie ai colleghi della Squadra Tifoseria dorica, e denunciati dal Commissariato di Osimo

fumogeniI due, di 20 e 40 anni, non potranno accedere alle manifestazioni sportive per un anno il primo, e per cinque anni l’altro.
Inoltre, nei confronti del quarantenne, data la gravità della recidiva specifica, il questore ha proposto al Gip di Ancona l’ulteriore prescrizione dell’obbligo di firma per due anni, in ogni occasione in cui la squadra della Maceratese gioca. Si tratta di una misura, successivamente convalidata, particolarmente rigida in quanto il tifoso, noto alle forze dell’ordine, è risultato essere già stato sottoposto a Daspo Sportivo.
«Continua l’impegno della Polizia di Stato affinché, nell’interesse dell’intera comunità – ha commentato il questore Cesare Capocasa -, le manifestazioni sportive si svolgano nel rispetto della legge e assicurando momenti ludici di intrattenimento senza problematiche di sicurezza o di ordine pubblico».

(redazione Cronache Ancona)


(Clicca qui sopra per ascoltare la notizia in podcast)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X