Summit 5 stelle a Macerata:
«Al via la nuova organizzazione territoriale»

POLITICA - Festa per il cinquantesimo incontro promosso in due anni dal coordinatore regionale e deputato Giorgio Fede: «E’ dai territori, dalle persone che è necessario ripartire per conoscere le reali difficoltà, agire per una giustizia sociale, lottare contro le disuguaglianze, tutelare il lavoro»
- caricamento letture
m5s-macerata-325x197

L’incontro di Macerata

 

I Cinque Stelle hanno festeggiato ieri a Macerata il cinquantesimo incontro regionale promosso in due anni dal coordinatore regionale Giorgio Fede. Presenti tra i tanti attivisti storici e nuovi iscritti, anche i consiglieri maceratesi Roberto Cherubini, Roberto Spedaletti e l’ex deputata Mirella Emiliozzi, che hanno contribuito con la loro esperienza al dibattito sulle tematiche poste.

«Un incontro – spiegano i grillini – fortemente voluto per parlare della nuova organizzazione territoriale che si aspettava da tempo, in cui si è discusso del regolamento, di progetti futuri e soprattutto della nuova modalità con cui avere un contatto sempre più diretto ed efficace tra iscritti e rappresentanti. Un forte rinnovamento su cui il Movimento stava lavorando da tempo. La nuova organizzazione proposta dal presidente Giuseppe Conte infatti si propone l’obiettivo di far piantare salde radici al Movimento nei territori e di proseguire con maggiore entusiasmo, strutturandosi al meglio nei comuni per accogliere le tantissime nuove richieste di iscrizione pervenute negli ultimi mesi. Questa rinnovata voglia di partecipazione conferma quel trend di crescita certificato anche dagli ultimi sondaggi che attestano il Movimento come forza politica in ascesa nel gradimento ed oramai data al secondo posto e come primo partito dell’area progressista, l’unico attento ai bisogni delle categorie più fragili, oggi duramente colpite dalla crisi economica indotta dal conflitto Russia Ucraina».

«Il Movimento – ha ricordato Fede – negli ultimi anni si è trovato ad affrontare una delle situazioni più difficili caratterizzata dalla pandemia, dalla guerra, dalla recessione, dalle naturali dinamiche interne (fisiologiche per una forza giovane), ma ha lavorato sempre incessantemente al fine di perseguire gli obiettivi che si era posto nel programma elettorale. Oggi con ancora più impegno, conseguente al taglio dei parlamentari, siamo ancora qui a dimostrare che per noi la base conta, nel voler stare in mezzo alla gente per riportare fuori dai palazzi quanto accade all’interno. La conoscenza è fondamentale per prendere poi scelte consapevoli. Grazie a questa nuova organizzazione potremo essere ancora più vicini ai cittadini, e far sì che la nostra voce in Parlamento sia la vostra voce. Perché la politica è di tutti. Per questo l’invito è a diffondere il più possibile la conoscenza della riorganizzazione dei gruppi territoriali».

«E’ dai territori infatti, dalle persone – conclude il M5S – che è necessario ripartire per conoscere le reali difficoltà, agire per una giustizia sociale, lottare contro le disuguaglianze, tutelare il lavoro, proseguire verso la transizione ecologica e digitale e attuare tutte le iniziative necessarie a tutelare gli interessi dei più deboli. Il vecchio modo di fare politica ha allontanato sempre più le persone dalle istituzioni, il Movimento invece nasce tra i cittadini e continua a voler stare tra i cittadini. Aderire a un gruppo territoriale è molto semplice, basta essere iscritto al Movimento, accedere al link http://bit.ly/3ghpXMI dove è possibile visionare il regolamento e tutte le informazioni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X