Recanatese, in attesa del restyling al Tubaldi
Fermo in pole position
per le prime partite in Lega Pro

SERIE C - La società leopardiana potrebbe indicare il Recchioni come alternativa se al via della stagione lo stadio di casa non sarà ancora fruibile. L'Helvia Recina, geograficamente più vicino, avrebbe bisogno di ulteriori interventi strutturali per almeno 200mila euro e rispettare così i requisiti minimi richiesti dalla Federazione, il Comune di Macerata non ha intenzione di spendere nell’immediato perché avanza il progetto di rigenerazione urbana dell'impianto da 4 milioni di euro
- caricamento letture

 

Stadio-Recchioni-rete-porta-2-650x484

Il Recchioni di Fermo

di Mauro Giustozzi

Sarà una corsa contro il tempo per adeguare lo stadio Tubaldi alla disputa della partite casalinghe in serie C della Recanatese. L’impegno preso dall’amministrazione comunale con la società, i tifosi e la città intera sarà onorato, ma certo che i tempi ristretti per l’avvio del prossimo campionato richiedono anche un piano ‘B’ per poter intanto iniziare la prossima stagione in un impianto adeguato ad ospitare gare di Lega Pro. Prende sempre più quota come stadio alternativo a quello di Recanati il ‘Bruno Recchioni’ di Fermo impianto che la società leopardiana potrebbe indicare come alternativo al ‘Tubaldi’ se al via della stagione, come probabile, lo stadio di casa non sarà ancora fruibile.

Tubaldi-1-325x260

Il Tubaldi

Una scelta quasi obbligata essendo quello fermano lo stadio a norma più vicino già pronto ad essere utilizzato per le partite di serie C. Perché fino a qualche settimana fa vi ha giocato la Fermana nelle ultime stagioni stabilmente in questa categoria, anche se quest’anno è arrivata un’amara retrocessione tra i Dilettanti, e perché il ‘Recchioni’ è omologato per la disputa di partite di Lega Pro. Le caratteristiche dell’impianto di illuminazione, le dimensioni del terreno di gioco, la separazione interna con vetri antisfondamento e altre caratteristiche rendono l’impianto idoneo, secondo le norme Noif della Federcalcio e dell’Uefa, per gare ufficiali Uefa e delle rappresentative nazionali di calcio. All’inizio della stagione 2017-18, l’impianto è stato dotato di recinzione fissa di prefiltraggio e di impianto di videosorveglianza ed ha una capienza autorizzata di 7500 posti. Insomma uno stadio chiavi in mano dove la Recanatese potrebbe emigrare limitatamente alle gare casalinghe di Coppa Italia e prime giornate di campionato, in attesa poi di poter tornare al ‘Tubaldi’ ristrutturato.

campo-stadio-helvia-recina_foto-LB-2-400x267

Lo stadio Helvia Recina

L’alternativa poteva essere l’Helvia Recina di Macerata, ma lo stadio geograficamente più vicino alla città leopardiana, nonostante gli sforzi di adeguamento fatti dal Comune ai tempi in cui vi ha giocato il Matelica il suo primo campionato di C, avrebbe avuto necessità di ulteriori interventi strutturali per almeno 200 mila euro per poter rispettare i requisiti minimi richiesti dalla Federazione per ospitare partite della Lega Pro. Cifra che il Comune di Macerata non ha intenzione di spendere nell’immediato, anche perché avanza il progetto di rigenerazione urbana dell’Helvia Recina di 4 milioni di euro che nei prossimi anni porterà alla completa ristrutturazione ed ammodernamento dell’impianto di via dei Velini.

Bruno-Recchioni-Interno-tribuneDunque disco verde per il ‘Recchioni’ a meno che non insorgano altre problematiche nelle prossime settimane che facciano cambiare idea alla dirigenza leopardiana. Gli uffici tecnici comunali recanatesi sono attesi da una gran mole di lavoro per provvedere all’adeguamento dello stadio ‘Tubaldi’, dai servizi interni, alle nuove tribune, servizi per il pubblico, misure di contenimento, accessi, illuminazione, nuovi spogliatoi e almeno 1500 posti per i tifosi, oltre a quelli esterni, non ultimi i parcheggi e la viabilità visto che l’impianto si trova collocato in un quartiere residenziale. Intanto si è partiti da ciò che era stato già programmato da tempo e cioè il rifacimento del manto in erba sintetica omologato allo stadio Tubaldi per un importo di 458.675 euro. Con questo intervento, che inizierà a breve, le dimensioni del rettangolo di gioco, che sarà allargato di qualche metro, saranno rese adeguate al campionato di serie C dove la Recanatese sarà chiamata a giocare il prossimo anno.

Recanatese-Serie-C-2-325x218

La gioia giallorossa per la promozione in Lega Pro

Giallorossi ancora in campo in queste settimane post season per la Poule scudetto della serie D che vede le nove vincitrice dei gironi affrontarsi tra di loro. Nel primo turno a trionfare nel girone B è stata proprio la Recanatese, che ha battuto il San Donato Tavarnelle per 2-1 grazie alle segnature di Sbaffo e Giampaolo. Nella seconda giornata i ragazzi di Giovanni Pagliari osserveranno il turno di riposo per tornare in campo il 1° giugno allo stadio ‘Romeo Neri’ di Rimini per giocarsi le chance di qualificazione alla fase successiva. Infatti le vincenti dei tre triangolari e la miglior seconda in assoluto accedono alle semifinali della Poule scudetto, organizzate in partite di sola andata con sorteggio integrale per determinare sia gli accoppiamenti sia la squadra che gioca in casa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =