Fuego, allo Sferisterio torna la danza

SPETTACOLO - Il cda dell’Associazione Sferisterio ha approvato il completamento del calendario di appuntamenti del Macerata Opera Festival 2022 con una serata sabato 20 agosto (alle 21) dedicata al flamenco. Per la stagione sono già oltre 6mila i biglietti venduti e prenotati, per un totale di circa 400mila euro
- caricamento letture

 

Fuego-foto-Javier-del-Real-1-325x228

Lo spettacolo Fuego

 

Il cda dell’Associazione Arena Sferisterio ha approvato il completamento del calendario di spettacoli del Macerata Opera Festival 2022 con una serata sabato 20 agosto (alle 21) dedicata al flamenco, con il celebre spettacolo di danza intitolato Fuego (firmato da due artisti iconici del mondo spagnolo, il coreografo e ballerino Antonio Gades e il regista Carlos Saura) che da trent’anni conquista le platee di tutto il mondo e che per la prima volta arriva allo Sferisterio con la Companía Antonio Gades e la presenza in buca della Form diretta da Miquel Ortega che eseguirà le musiche di Manuel De Falla sulle quali è costruita l’azione coreografica.

Fuego-foto-Javier-del-Real-2-325x219«Il flamenco è l’espressione più nobile, complessa e virtuosistica della civiltà musicale spagnola di tradizione orale, la cui storia vanta nel Novecento non solo insigni compositori che l’hanno interpretata ma anche coreografi e registi in grado di rinnovarne lo spirito in chiave moderna – si legge nella nota dell’Associazione Arena Sferisterio -. I primi nomi che vengono in mente sono proprio quelli del coreografo Antonio Gades (1936-2004) e del regista Carlos Saura (1932), autori di questo spettacolo sulle note dell’Amor brujo di Manuel De Falla che ha debuttato nel 1989 dopo essere stato anche un film. Il ballerino e coreografo che ha conquistato il mondo con le sue interpretazioni di Carmen e del Boléro, e il regista di pellicole memorabili come Carmen Story e Bodas de sangre, con Fuego portano sul palcoscenico il “duende”, concetto che è stato lucidamente interpretato da Federico Garcia Lorca: “Il duende non sta nella gola; il duende monta dentro, dalla pianta dei piedi. Vale a dire, non è questione di capacità ma di autentico stile vivo; vale a dire, di sangue; di antichissima cultura, e, al contempo, di creazione in atto”. Fuego consiste di una serie di scene che alternano brani flamenco e brani di De Falla organizzate attraverso la storia di Candela, giovane gitana innamorata di Carmelo: la fanciulla è ancora tormentata dallo spirito del suo precedente marito, morto accoltellato in duello, il cui fantasma continua ad apparirle ogni notte costringendola a danzare. Una strega consiglia così ai due giovani di danzare “La danza del fuego”, per liberarsi dall’angoscia dello spettro che assilla il loro amore».

mof-2021-traviata19-325x163

Una passata edizione del Mof

Il cda si è aperto con la presenza del vicesindaco e assessore alle Politiche sociali di Macerata Francesca D’Alessandro per approfondire e valutare ulteriori sviluppi delle attività di accessibilità e inclusione “InclusivOpera” (coordinato dalla docente dall’Università di Macerata Elena Di Giovanni) che, dal 2009, caratterizza il Macerata Opera Festival e ne fa una eccellenza di rilievo internazionale, prima istituzione musicale italiana ad adottare un simile progetto, vincitore di riconoscimenti e oggetto di studi universitari.

DonGiovanni_MOF2020_-foto_Zanconi_V24A9400-1-325x217Per quanto riguarda le tendenze di vendita, sono già oltre 6mila i biglietti venduti e prenotati per un totale di circa 400mila euro. In testa agli acquisti la prima rappresentazione di Tosca e quella del Barbiere di Siviglia per le opere, mentre per i concerti quello inaugurale diretto da Zubin Mehta. Grande interesse soprattutto dagli stranieri per il dittico con il film di Chaplin The Circus e l’opera Pagliacci, un’operazione questa dei film muti sonorizzati dal vivo che è molto diffusa in Europa e che sta arrivando da pochi anni in Italia e che trova nello spazio dello Sferisterio una collocazione ideale per una serata estiva. Tornano anche i gruppi organizzati, al momento una trentina di cui una decina dall’estero.

I biglietti del Macerata Opera Festival possono essere acquistati nella biglietteria in piazza Mazzini 10 oppure online su sferisterio.it. I biglietti per i titoli operistici (Tosca, The Circus e Pagliacci, Il barbiere di Siviglia) e per il concerto inaugurale diretto da Zubin Mehta (con l’orchestra e il coro del maggio musicale fiorentino impegnati nella Nona Sinfonia di Beethoven) hanno un costo da 10 a 150 euro. I biglietti per tutti gli altri concerti e per lo spettacolo Fuego hanno un costo da 10 a 80 euro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X