Canile, contezioso al Tar:
il Comune contro l’Enpa

MACERATA - L'ente ha deciso di resistere in giudizio al ricorso presentato sull'affidamento alla cooperativa Meridiana e ha messo in bilancio 10mila euro per le spese legali
- caricamento letture

cani-randagi-canile-1-650x394

 

Nel gergo della cronaca nera lo si definirebbe un proiettile vagante quello che è finito per arrivare all’indirizzo del comune di Macerata che, in virtù della lite anche legale tra l’Ente nazionale di protezione degli animali di Ascoli e la cooperativa maceratese Meridiana, ha dovuto mettere in bilancio la spesa di circa diecimila euro per la resistenza in giudizio al ricorso al Tar fatto dall’Enpa di Ascoli contro l’affidamento del canile alla Meridiana.

Compenso per l’incarico professionale, affidato all’avvocatessa Morena Luchetti, circa diecimila euro lordi. L’Enpa, rappresentata dagli avvocati Massimo Ortenzi, Ines Nardini e Chiara Rivosecchi, ha prima contestato l’affidamento a Meridiana della gestione del canile di Appignano del Tronto ed ora contesta la proroga da parte del Comune dell’affidamento del canile di Macerata  alla stessa cooperativa che ha poi ottenuto di portare 150 animali dalla struttura picena a Macerata.

La coop Meridiana, che ha convocato per domani una conferenza stampa, ha detto che l’operazione ascolana permette di mantenere inalterata la forza lavoro in servizio nel canile di Macerata.

(l. pat.)

***

LA REPLICA DELL’ENPA – Sulla questione interviene con una replica relativa ad alcune inesattezze comparse in un articolo pubblicato ieri, la sezione di Ascoli dell’Ente Nazionale Protezione Animali (Enpa), che puntualizza: «Non abbiamo in corso alcuna lite né con la cooperativa Meridiana nè con il Comune di Macerata. L’Enpa nazionale, e non sezione di Ascoli, ha impugnato innanzi al Tar la delibera della giunta comunale di Macerata di proroga della concessione che assegna la gestione del canile comunale alla cooperativa Meridiana, ritenendo che non ci fossero i presupposti legali per tale proroga. Inoltre l’Enpa ha impugnato la proroga, e non l’attuale affidamento della gestione del canile comunale alla cooperativa Meridiana, che senza la proroga sarebbe scaduto dopo vent’anni il 31 dicembre prossimo. Ancora, né l’Enpa nazionale, né l’Enpa di Ascoli hanno contestato l’affidamento a Meridiana della gestione del canile di Appignano del Tronto”, anche perché tale “affidamento” non è mai avvenuto né poteva avvenire: è noto infatti che il rifugio di Appignano del Tronto è una struttura privata di
proprietà dell’Appa, antica organizzazione di volontariato dell’ascolano, la cui gestione non può certo essere affidata a terzi da chicchessia. E’ altrettanto noto che è stata invece l’Appa a ricorrere al Tar contro il bando pubblicato dall’Amministrazione comunale di Ascoli er l’affidamento del servizio di ricovero e mantenimento dei suoi randagi, da sempre dalla stessa custoditi nel proprio rifugio, e contro la sua successiva aggiudicazione alla cooperativa Meridiana, che ha manifestato l’intenzione di trasferirli tutti, 180 randagi secondo il bando, nel canile di Macerata, che ora ospita solo poche decine di cani. Infine, come si evince chiaramente dalle dichiarazioni ufficiali apparse recentemente sulla stampa rilasciate dall’Amministrazione Comunale di Macerata, la cooperativa Meridiana non ha affatto ottenuto l’autorizzazione a trasferire i 180 cani randagi del Comune di Ascoli nel canile di proprietà del comune di Macerata, probabilmente anche a motivo dell’aggravio dei costi di manutenzione a carico dello stesso Comune che tale trasferimento determinerebbe, con cifre che supererebbero di gran lunga quelle stanziate per resistere in giudizio avverso il ricorso proposto dall’Enpa».

 

Contenzioso davanti al Tar per gli amici a quattro zampe



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X