Quirinale, seconda fumata nera
Morgoni: «Più giorni passano
meno possibilità per Draghi o Mattarella»

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - Il deputato Pd di Potenza Picena: «Il mio auspicio è che si trovi un nome entro 24/48 ore». L'onorevole è per la terza volta tra i grandi elettori: «L'attuale fragilità del sistema Paese non è distante da quella che avevamo nel 2013». La parlamentare Mirella Emiliozzi, Movimento 5 stelle: «Nomi centrodestra di alto profilo, ma manchevoli di terzietà»
- caricamento letture
mario-morgoni2-300x400

Mario Morgoni nella sala “Transantlantico” della Camera dopo aver votato


di Leonardo Giorgi

«Siamo al punto in cui eravamo all’inizio. Oggi non c’è stato nessun passo avanti significativo, anche se può cambiare tutto nel giro di poche ore». C’è amarezza nelle parole del deputato Mario Morgoni, grande elettore impegnato in queste ore con la votazione del presidente della Repubblica, la cui seduta di oggi si è conclusa con la seconda fumata nera e una valanga di schede bianche: 527, contro i 39 voti a pari merito dei due candidati più votati (Paolo Maddalena e Sergio Mattarella). Rieletto nelle fila del Pd dopo essere stato nominato senatore nel 2013, originario di Potenza Picena, l’onorevole Morgoni (prima della diffusione della triade di nomi proposti dal centrodestra, Moratti-Nordio-Pera) sottolinea che «invece di dare nomi di parte, sarebbe più utile per tutti un confronto serio per approdare a un nome non dichiaratamente schierato. È vero che anche in passato ci sono stati uomini di parte, come Napolitano, ma avevano caratteristiche di credibilità e autorevolezza adatte a rappresentare tutti. Al momento è una situazione di stallo».

Secondo Morgoni il tempo stringe: «Ogni giorno che passa diventano sempre meno utilizzabili le opzioni Draghi o Mattarella-bis. Sono personalità con le quali non si può giocare troppo a lungo. Ci stiamo consumando carte. Bisogna arrivare ad una situazione tempestiva, non voglio pensare che da giovedì inizi una giostra di nomi. Dobbiamo dare un esempio al Paese. Il mio auspicio è che si lavori in un modo serio e avere un nome in 24/48 ore. Altrimenti avremmo un ulteriore discredito della politica, soprattutto in un momento economico e geopolitico come questo». Morgoni è già stato grande elettore durante le tornate del 2013 (Napolitano-bis) e 2015 (Mattarella). «Ci sono molte similitudini con il 2013 – sottolinea il deputato -. L’attuale fragilità del sistema Paese non è distante da quella che avevamo nove anni fa».

mirella-emiliozzi-4-325x216

Mirella Emiliozzi, deputata dei 5Stelle

Ore frenetiche anche per Mirella Emiliozzi, deputata di Civitanova, eletta nelle file del Movimento 5 stelle: «Per domani è stato convocato un incontro con i colleghi del centrodestra per trovare una quadra e convergere su un candidato di altissimo profilo, una persona adatta a traghettare l’Italia attraverso i prossimi anni, che saranno sicuramente non facili». «Come è emerso dal vertice di questa sera tra Conte, Letta e Speranza – conclude Emiliozzi -, i nomi proposti dal centrodestra sono quello che sono: nomi di personalità di area sicuramente di alto profilo, ma per noi manchevoli di quel requisito di terzietà che è necessario per un presidente della Repubblica».

 

mario-morgoni1-650x488

Quirinale, prima fumata nera Acquaroli: «Emozionante tornare qui Serve un nome che dia credibilità»

«Il percorso per l’elezione del presidente della Repubblica inizia tra i lavoratori Caterpillar»

Verso le presidenziali, Cavallaro: «Mi votarono in 5 per il Colle» Manzi: «Capolavoro eleggere Mattarella»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1