Due vini marchigiani
sulla tavola del G20:
uno è di San Severino

ROMA - Una vetrina importante per il prodotto della Fattoria Colmone, il "1,618 I Terreni di San Severino Moro doc 2012", motivo di lustro per tutto il territorio
- caricamento letture

 

79da7bba-d3cd-4e8d-8e28-a7989b56af9f-1

di Serena Murri

Il vino marchigiano accompagna la cena del G20. Due quelli presenti sabato, a Roma, alla cena del Ministero delle Finanze in occasione del G20. Le cantine marchigiane presenti erano due, il 1,618 I Terreni di San Severino Moro doc 2012 della Fattoria Colmone, e il Pecorino Fenesia Offida 2020 Docg bio della cantina Terra Fageto di Pedaso.

20dfe4b6-a24b-4006-aa02-cb321b81f9bcUna vetrina importante per i vini marchigiani che si affacciano al mercato internazionale e motivo di lustro per tutto il territorio. È stato possibile dopo aver partecipato al bando promosso dal Consiglio dei Ministri.  «Siamo orgogliosi non solo per il risalto avuto dal nostro vino ma – il commento di Michele Di Ruscio, uno dei titolari di Terra Fageto – per tutto il territorio”. Era presente anche Stefano Antonelli, esperto di marketing istituzionale, che nell’ambito del Progetto Le Marche al G20 ha portato le eccellenze delle Marche agli eventi del G20 che ha così commentato l’iniziativa: “Siamo grati alla delegazione G20 per aver concesso alle Marche una vetrina così illustre come quella del Vertice dei Capi di Stato del G20».

 

 

11a237e2-cc28-436c-8c15-a7a4e4e3f033

79da7bba-d3cd-4e8d-8e28-a7989b56af9f-2

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X