Portano i figli a scuola
ma trovano i cancelli chiusi
«Nessuno ci ha avvisato dello sciopero»

A PORTO POTENZA disagi per i genitori dei bambini dell'asilo Coloramondo e degli alunni della primaria dalla classe prima alla quarta che si trova alla bocciofila. A Civitanova ingresso all'insegna delle norme anti Covid. Alla media "Annibal Caro" le classi vengono chiamate col megafono e fatte entrare una alla volta
- caricamento letture

 

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-8-650x433

Alla Annibal Caro le classi sono state fatte entrare una alla volta chiamate col megafono

 

di Laura Boccanera (foto di Federico De Marco)

Primo giorno di scuola, ma non per tutti. Rimasti fuori con la scuola chiusa i bambini della scuola d’infanzia Coloramondo di Porto Potenza e quelli della primaria dalla classe prima alla quarta che si trova alla bocciofila. Questa mattina i tre pulmini con a bordo i bimbi hanno dovuto scaricare i giovani studenti alla scuola media e attendere l’arrivo dei genitori che hanno dovuto riportarli a casa.

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-14-325x244

L’attesa davanti alla scuola media Annibal Caro a Civitanova

Disagi fra i genitori: «Nessuno ci ha avvisato, va benissimo se si vuol scioperare, ma almeno si avvertano le famiglie». Ripresa delle lezioni e suono della campanella questa mattina segnato dalle nuove normative Covid con accesso alla scuola solo con green pass per personale e docenti e disagi a Porto Potenza.
A Civitanova controlli sul distanziamento e anche una pattuglia della polizia fuori dai plessi. Sono ricominciate le lezioni in tutte le scuole della provincia, ma a Porto Potenza questa mattina le famiglie hanno dovuto fare i conti con lo sciopero indetto da Anief e Sisa per protestare per l’introduzione dell’obbligo, per il personale scolastico di possedere ed esibire la certificazione verde e per una serie di inadempimenti riguardanti contratto e condizioni di lavoro come la mancata trasformazione dell’organico aggiuntivo del personale docente e Ata in organico di diritto, la mancata introduzione di una deroga ai vincoli di permanenza per il personale docente assunto a tempo indeterminato dal 1 settembre 2020 e la necessità di stabilizzare tutti i precari della scuola che hanno prestato servizio con contratti a tempo determinato per almeno 3 anni su posti vacanti e disponibili e infine la mancata conferma in ruolo dei diplomati magistrale. Per questo questa mattina con l’adesione in blocco della scuola Coloramondo e di quella primaria situata alla bocciofila molti genitori hanno trovato il cancello chiuso come accaduto ad Angelica Pomili: «ho tre figli, quella che frequenta la quarta elementare questa mattina c’è rimasta malissimo che non è potuta entrare a scuola, sua sorella che fa la terza media invece sta svolgendo regolarmente le lezioni – racconta la Pomili – per fortuna che il più piccolo che frequenta la scuola d’infanzia non va alla Coloramondo altrimenti mi sarei ritrovata anche con lui il problema di lasciarlo a casa. Questa mattina alle 8 il cancello era chiuso, anche altre mamme si sono attaccate al telefono per capire cosa fosse successo, nessuno ci avvisato neanche durante le riunioni prima dell’avvio dell’anno scolastico e solo 2 giorni fa è comparso un avviso sul sito, quando c’è scritto chiaramente nella stessa comunicazione che va data notizia entro 5 giorni dalla data. Ma il disagio più grande lo hanno vissuto i bambini arrivati da soli col pulmino. C’erano 3 autobus in attesa che hanno dovuto far scendere i bambini alla scuola media e attendere che i genitori tornassero a riprenderseli».

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-13-325x244A Civitanova il ritorno in aula è segnato invece dal rigore al rispetto delle norme antiCovid. Grande traffico in via Mandela dove si trovano sia la sede dei Licei Leonardo Da Vinci sia la scuola media Annibal Caro. All’ingresso dei licei presente un vigilantes per il controllo su distanziamento e mascherine e anche una pattuglia della polizia per controllare che tutto si svolgesse secondo i protocolli. Alla scuola media qualche piccolo disagio per aver tenuto il portone di ingresso chiuso lasciando che famiglie e studenti attendessero l’apertura all’esterno della recinzione, in strada. Poi le classi sono state fatte entrare una alla volta chiamate col megafono. Per tanti è stato anche il primo giorno di scuola nella scuola primaria e nelle scuole d’infanzia della città. Anche qui l’accoglienza è stata a misura di normativa anti Covid. Complice la bella giornata molti plessi si sono organizzati con un momento di incontro all’esterno, nei giardini per conoscersi con docenti e bambini e bambine per poi entrare a scuola in sicurezza. Ieri tramite la sua bacheca Facebook il sindaco Fabrizio Ciarapica ha fatto arrivare a tutte le studentesse e gli studenti di Civitanova il  suo augurio per un buon anno scolastico: «Le chiusure e la didattica a distanza causate dalla pandemia avevano ridotto in modo significativo il ruolo fondamentale della scuola, dialogo, socialità, confronto. Riprendete, dunque, a vivere la gioia della normalità, dello stare insieme ma ricordate di tenere alta l’attenzione alla sicurezza, siamo tutti chiamati ad essere responsabili e vi invito ad osservare le semplici regole che ormai tutti conosciamo per prevenire il contagio. La scuola ha un ruolo insostituibile, importantissimo, strategico, è il più grande laboratorio di opportunità per il vostro futuro che vi realizzerà come uomini e cittadini di domani, pertanto impegnatevi con passione e continuità, vivete lo studio non solo come un dovere, ma come una fonte inestimabile per la vostra formazione e per la vostra identità. Auguro buon anno scolastico e buon lavoro a voi, ai vostri insegnanti ed ai collaboratori scolastici».

Macerata, il ritorno a scuola pesa sulla viabilità «Dipende dal passaggio a livello»

Studenti in classe, Acquaroli: «Auguro di tornare alla normalità» Latini: «Dad si è mostrata insufficiente»

Filisetti agli studenti: «Fondate l’impegno sull’adempimento del dovere»

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-3-650x433

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-12-650x442

L’ingresso ai licei Da Vinci

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-11-650x488

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-10-650x463

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-9-650x488

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-7-650x433

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-6-650x402

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-5-650x433

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-4-650x433

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-1-650x433

primo-giorno-di-scuola-via-mandela-civitanova-2-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X