Il Piano di edilizia ospedaliera
annunciato dalla Regione?
Come una lottizzazione senza Prg

IL COMMENTO - Annunciato lo stanziamento di 140 milioni per il nuovo ospedale di Macerata e di 10 per quello di Civitanova. Dove servono ortopedici, anestesisti, cardiologi e infermieri arriveranno muratori, idraulici, elettricisti ed ingegneri. E nel frattempo? Di dove e quando arriverà il personale che serve alle strutture sanitarie non si è parlato
- caricamento letture
claudio-maffei

Claudio Maria Maffei

 

di Claudio Maria Maffei*

La Giunta regionale ha con grande enfasi pubblicizzato quello che ha chiamato il suo masterplan di edilizia sanitaria e ospedaliera. Già dal nome sembra una cosa seria. Sembra. Nello stesso giorno Saltamartini annuncia che per il nuovo ospedale di Macerata sono stanziati 140 milioni e 10 per il vecchio ospedale di Civitanova (che tanto ha l’inutile Covid Center e quindi che pretende?). Sembrano tutte buone notizie. Sembrano.

Vediamole un po’ più da vicino con un atteggiamento sanamente critico. In questi stessi giorni dall’Area Vasta 3 arrivano segnali di allarme per le enormi difficoltà di reclutamento del personale per le strutture ospedaliere. Segnali che del resto vengono da tutta la regione, in particolare, ma non solo, dai Pronti soccorso spesso costretti a ricorrere a medici messi a disposizione di cooperative. Quello che dovrebbe succedere in questi casi è una programmazione dei servizi sanitari che preceda il piano di edilizia sanitaria in modo da renderli coerenti tra loro, così come succede coi Piani edilizi dei comuni in cui si parte dal Piano regolatore generale per arrivare poi al Piano di lottizzazione (magari non sono stato tecnicamente preciso, ma credo di aver reso l’idea).

SanitaRegione_FF-7-325x217

L’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini

La Giunta ha deciso di fare il contrario. Per esplicita ammissione dell’assessore ai Lavori pubblici Baldelli sarà il Masterplan di edilizia sanitaria a condizionare la programmazione dei servizi. Il che vorrebbe dire nelle intenzioni della Giunta che non solo rimarranno tutti gli ospedali con le loro attuali funzioni più i nuovi che sin dall’inizio della campagna elettorale la nuova Giunta promette di riaprire. Tanto da far dichiarare a Salvini che per alcuni cittadini marchigiani c’era un sequestro di persona sanitario, data la carenza di servizi in molte aree della regione.

Quindi adesso (adesso si fa per dire perché a Natale vedremo se saranno iniziati i lavori del nuovo ospedale di Macerata come Saltamartini promette) dove servono ortopedici, anestesisti, cardiologi e infermieri arriveranno muratori, idraulici, elettricisti ed ingegneri. E nel frattempo? Di dove e quando arriverà il personale che serve alle strutture sanitarie pubbliche e private della Regione non si è parlato. Ci penserà il masterplan?

*Medico e dirigente sanitario in pensione



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X