Sport dilettantistico in crisi,
contributi per 950mila euro:
al via le domande

FINANZIAMENTI a fondo perduto da parte della Regione destinati anche al paralimpico. Si può fare domanda online fino al 7 maggio alle 12. Il capogruppo Lega Renzo Marinelli: «Fondamentale la funzione sociale strettamente correlata a quella ludica»
- caricamento letture
RENZO-MARINELLI-CAPOGRUPPO-REGIONALE-LEGA-e1617719895973-325x190

Renzo Marinelli

 

Via alle domande per il bando della Regione che assegna 950mila euro di contributi a fondo perduto allo sport dilettantistico, fortemente penalizzato dalla pandemia. Lo comunica per la Lega Renzo Marinelli, capogruppo consiliare in Regione.

«Si tratta di una prima tranche della voce di bilancio con cui la Regione intende sostenere lo sport dilettantistico e paralimpico. Un segnale del fatto che la buona politica, ogni volta che può, ne riconosce anche tangibilmente la fondamentale funzione sociale strettamente correlata a quella ludica – spiega Marinelli – Ringrazio l’assessore Giorgia Latini per la sensibilità e la sollecitudine con cui affronta le problematiche dello sport finalizzando ogni risorsa disponibile».

Il bando, frutto di economie, è un primo step di n articolato intervento a sostegno della ripartenza di circa 4mila potenziali beneficiari complessivi. Il comitato regionale dello sport, al cui tavolo siedono i rappresentanti del settore, più volte riunitosi per individuare i criteri di assegnazione dei fondi, ha stabilito che questa misura sarà destinata a quelle società ed associazioni sportive dilettantistiche, iscritte al Coni o al Comitato paralimpico, che non hanno ancora ottenuto alcun ristoro.

«Per le criticità dovute alla pandemia ci sono stati impieghi finanziari inferiori alle previsioni il che ci ha consentito di concentrare ogni sforzo sull’anno corrente mettendo a disposizione 1,2 mln di euro complessivi – dice l’assessora Latini entrando nel merito della misura –. La riteniamo un’azione fondamentale per sostenere la ripresa dell’attività sportiva che più diffusamente impatta sulla popolazione e che rischia, in molti casi, di veder compromessa la sua stessa esistenza per lo stop forzato. Nello stanziamento complessivo sono previsti anche 250 mila euro per la ripresa del nuoto ai quali potranno accedere enti pubblici, organizzazioni sportive affiliate e gestori privati di piscine da 25 metri».

Si possono presentare le domande solo attraverso la piattaforma regionale, all’indirizzo https://www.regione.marche.it/Contributoripresasport (la Misura 11). Il termine ultimo è il 7 maggio alle 12. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X