Ricattata dall’amante:
«Paga o dico tutto a tuo marito»

CIVITANOVA - Rinviato a giudizio un 41enne che deve rispondere di furto ed estorsione. L'uomo avrebbe ottenuto 11mila euro in contanti, 3mila in oggetti preziosi e convinto la donna ad aprire un finanziamento per l'acquisto di uno smartphone
- caricamento letture

estorsione-donna1-650x488

 

Dalla relazione clandestina alla truffa e all’estorsione di cui è stata vittima una donna: questa l’accusa per un 41enne che oggi è stato rinviato a giudizio dal gup del tribunale di Macerata. I fatti contestati sono avvenuti a Civitanova nel 2018 e 2019. Secondo la ricostruzione fatta dall’accusa, l’uomo aveva iniziato una relazione con una donna sposata. In seguito, dice l’accusa, avrebbe chiesto prestiti alla donna facendole credere di aver bisogno di denaro e con la falsa promessa di restituire quanto prestato aveva ottenuto 11mila euro i contanti e 3mila euro in oggetti preziosi. I fatti sarebbero avvenuti tra il 10 febbraio e il maggio del 2018.

SIMONE-SANTORO

L’avvocato Simone Santoro

L’uomo è accusato anche di estorsione. Per riuscire a farsi consegnare altro denaro avrebbe minacciato la donna di rivelare al marito della loro relazione. Avrebbe anche detto avrebbe mostrato al marito dei presunti filmati e foto di loro rapporti sessuali. L’uomo sarebbe riuscito a farsi consegnare 3mila euro in contati e 1.258 euro tramite finanziamento acceso in un negozio di elettronica per l’acquisto di uno smartphone. Inoltre in quello stesso negozio l’uomo sarebbe poi tornato per accendere un altro finanziamento a nome della donna (lei non era presente) e avrebbe indotto in errore il personale del negozio che aveva avviato la procedura (1.300 euro) per l’acquisto di un cellulare. La donna però era venuta a sapere la cosa e aveva disconosciuto la sottoscrizione del contratto (per questi fatti l’uomo è accusato di tentato furto). Oggi la donna si è costituta parte civile, assistita dall’avvocato Simone Santoro. L’imputato è difeso dall’avvocato Fabrizio La Rocca. Il giudice Domenico Potetti ha rinviato a giudizio l’imputato, il processo si aprirà il 20 maggio del 2022.

(Gian. Gin.)

*** Il nome dell’imputato non viene indicato per evitare che la vittima possa essere identificabile

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X