Rianimatori cercasi invano

LA GRADUATORIA del concorso pubblico approvata a luglio dall’Area Vasta 3 ha visto diversi rifiuti, ora una nuova determina dopo un anno perso
- caricamento letture

WhatsApp-Image-2019-04-24-at-11.12.55-1-325x204

 

di Luca Patrassi

I tempi della burocrazia non hanno nulla a che fare con quelli del Covid 19. L’esame dei bandi di concorso appena attivati dall’Asur Marche conferma da un lato la carenza nazionale di medici specialisti, e le mancate assunzioni in tempi migliori, e dall’altro il fatto che passano diversi mesi inutilmente da un atto all’altro. In corso ci sono gli avvisi pubblici per la formazione di una graduatoria cui attingere per incarichi provvisori – assunzioni a tempo determinato – da assegnare a medici specialisti in Anestesia e Rianimazione, in Cardiologia, Malattie dell’apparato respiratorio, Medicina nucleare, Anatomia patologica e Malattie Infettive. Scadenza dei termini per la presentazione delle domande tra il 18 e il 19, in base al settore di interesse. Non ci sarebbe nulla di strano se non si andasse a leggere la premessa del primo avviso pubblico, quello per la formazione di una graduatoria per medici rianimatori. Vi si legge che la nuova procedura si rende necessaria perché la graduatoria del concorso pubblico approvata a luglio dall’Area Vasta 3 – che aveva attivato la procedura per conto dell’Asur nel febbraio 2020 – non soddisfa le esigenze di organico dell’azienda sanitaria. Il concorso era a 12 posti di medici rianimatori ed altrettanti erano quelli utilmente inseriti in graduatoria, ma evidentemente il passare di diversi mesi dalla presentazione di una domanda al riscontro della graduatoria, ha indotto alcuni dei vincitori a rifiutare avendo forse l’opportunità di scegliere sedi più vicine al luogo di residenza. Intanto- si legge nella nuova determina – l’Asur ha investito l’Inrca per l’indizione di un nuovo concorso pubblico per l’assunzione a tempo indeterminato di medici rianimatori. Come dire si è partiti a febbraio 2020 e si arriva a fine 2020 senza un dato di fatto, nel frattempo sono arrivate due ondate Covid.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X