Una “Freccia Rossa” a Macerata:
il fascino della 1000 Miglia
(Foto/Video)

LE AUTO del "museo viaggiante unico al mondo" al controllo timbro in piazza della Libertà, prove cronometrate in viale Trieste e viale Puccinotti. L'assessore Sacchi: «Un'emozione particolare»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
La Mille Miglia a Macerata

 

MilleMiglia_FF-3-650x434

Una delle auto transita in piazza della Libertà

 

di Marco Cencioni (foto e video di Fabio Falcioni)

Quattrocento modelli, di cui 240 equipaggi stranieri, partiti ieri da Brescia e che oggi hanno attraversato il capoluogo. Una “Freccia Rossa” che ha “colpito” Macerata al cuore, nel centro storico e lungo le mura dove si sono svolti i sei controlli cronometrati con pressostato, distribuiti a 15 metri l’uno dall’altro in viale Trieste e viale Puccinotti. La carovana delle 1000 Miglia, pochi minuti dopo le 14, ha attraversato piazza della Libertà per il controllo timbro, arrivando da corso della Repubblica.

MilleMiglia_FF-9-325x217Tra le prime a transitare Cristina Parodi, una dei vip che quest’anno ha voluto essere parte del “museo viaggiante unico al mondo”, come aveva definito la corsa Enzo Ferrari. Tra i personaggi più noti a partecipare aella 38esima edizione l’imprenditore Tomaso Trussardi e il designer Fabrizio Giugiaro alla guida concept car totalmente elettrica da lui stesso disegnata. Due gli equipaggi marchigiani legati al maceratese: Giuseppe Casali, vicepresidente Pigini group, al volante di una Alfa Romeo 1900 C Super sprint del 1954 e Giuseppe Santoni, imprenditore dell’omonima azienda calzaturiera che insieme a Massimo Ottaviani è a bordo di una Jaguar XK 140 Ots Roadster sempre del 1954.

 

MilleMiglia_FF-16-650x434

Una delle auto della carovana allo Sferisterio

 

Intorno alle 12,30 sono state le vetture del Ferrari Tribute e Mercedes Tribute, in tutto 130, a precedere l’arrivo delle auto d’epoca che hanno scritto la storia della corsa nel trentennio 1927- 1957, alcune delle quali uscite dai musei per l’occasione.

 

MilleMiglia_FF-10-325x217

Le auto in corso Cavour

E con il rombo dei primi motori la gente ha cominciato a disporsi ai lati della strada per assistere al passaggio delle “signore” che non sentono il passare degli anni e che sfoggiano con classe tutta la loro eleganza. Il fascino delle vetture ha suscitato gli applausi del pubblico che ha risposto al saluto caloroso dei componenti degli equipaggi sventolando le classiche bandierine. La carovana, dopo aver attraversato Castelraimondo, San Severino e Passo di Treia, è entrata in città da viale Indipendenza prima di effettuare il circuito cittadino di via Garibaldi, piazza Veneto, corso della Repubblica e piazza della Libertà per uscire poi in direzione via Bramante, Piediripa e dirigersi verso Corridonia e Monte San Giusto, da dove poi raggiungeranno Fermo.

 

MilleMiglia_FF-8-650x434

Una delle auto in corso della Repubblica

 

La storia dell’automobile rivive ancora a Macerata che negli ultimi anni ha più volte fatto da cornice all’evento, l’ultima nel 2016. E se il grazie di appassionati e non può che andare al presidente dell’Aci Macerata e deus ex machina dell’evento, Enrico Ruffini, e a Renzo Serrani, responsabile della sicurezza e delegato Ac Macerata all’allestimento del percorso, è l’assessore allo sport Riccardo Sacchi a sottolineare lo spessore del due figure fondamentali per la riuscita dell’evento.

MilleMiglia_FF-13-325x217

Auto pronta per la prova di velocità

«Organizzare una manifestazione cosi complessa dal punto di vista logistico non è facile e la loro qualità è un punto di forza sul quale abbiamo puntato tutto sapendo di non poter sbagliare – sottolinea – Il mio grazie va anche agli uffici comunali che si sono prodigati per mettere la loro professionalità al servizio di questo appuntamento, al corpo di polizia municipale diretto dal comandante Danilo Doria e ai più 50 vigili urbani di cui alcuni prestati dai comuni limitrofi, agli 80 volontari della Croce Rossa, delle associazioni Tigrotto, CB club maceratese, Macerata Soccorso e dell’associazione nazionale Alpini. L’ottima riuscita di questo evento di prestigio dà un segnale di speranza e di svago in un momento così delicato per la Nazione e per Macerata. L’amministrazione continuerà a credere sempre in questi appuntamenti che danno lustro e prestigio al capoluogo e al suo territorio. Da appassionato di motori ho sempre seguito l’evento, farlo da un palcoscenico privilegiato è stato ancora più emozionante – conclude Sacchi – In particolare la gara dallo Sferisterio fino a piazza Garibaldi è davvero unica e ci dimostra come l’organizzazione della Mille Miglia abbia tenuto conto delle bellezze maceratesi».

MilleMiglia_Sacchi_FF-1-650x434

L’assessore Riccardo Sacchi oggi in piazza della Libertà

MilleMiglia_FF-15-650x434

MilleMiglia_FF-14-650x434

MilleMiglia_FF-11-650x434

MilleMiglia_FF-12-650x434

MilleMiglia_FF-7-650x434

MilleMiglia_FF-6-650x434

MilleMiglia_FF-5-650x434

MilleMiglia_FF-4-650x434

MilleMiglia_FF-2-650x434

MilleMiglia_FF-1-650x434

mille-miglia-sasso-ditalia-foto-alfredo-moglianesi-1-650x433

(foto di Alfredo Moglianesi)

mille-miglia-sasso-ditalia-foto-alfredo-moglianesi-2-650x433

(foto di Alfredo Moglianesi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X