Volantino con Tartabini a testa in giù,
solidarietà bipartisan alla sindaca

POTENZA PICENA - L'immagine è stata diffusa su Facebook e mostra un manifesto attaccato ad una grondaia. Messaggi da tutti i militanti di Fratelli d'Italia. Anpi e Pd esprimono vicinanza: «Gesto vile, ci dissociamo»
- caricamento letture

noemi-tartabini-25-apriòe-325x351

 

di Laura Boccanera

Volantino choc, la sindaca di Potenza Picena a testa in giù e la scritta “Credere obbedire penzolare”. Il riferimento è a piazzale Loreto e si innesca sulle polemiche intercorse in questi giorni dopo il manifesto per il 25 aprile nel quale l’amministrazione accomunava le morti per Covid a tutti i morti della seconda guerra mondiale. Benzina sul fuoco per gli anonimi autori del volantino che è stato appeso da qualche parte e ripreso e diffuso dai militanti di Fratelli d’Italia che hanno espresso solidarietà alla sindaca. Solidarietà che non è mancata anche dalla stessa Anpi. Sul volantino si riprende il motto di Mussolini “Credere obbedire combattere”, ma il verbo combattere è stato sostituito da “penzolare” e sotto compare la foto della Tartabini in tricolore a testa in giù.

Tra i primi ad esprimere vicinanza per la violenza del volantino è l’ex candidato sindaco di Recanati Simone Simonacci: «La mia solidarietà al sindaco Noemi Tartabini – ha scritto – È triste vedere l’espressione di menti intellettualmente così deboli. Specialmente all’alba di quella che dovrebbe essere la festa di tutti e che però alcuni continuano a voler colorare di macabro creando divisioni, scavando fossati. Forse un giorno riusciremo a festeggiare la liberazione anche dall’intolleranza antidemocratica e fascista di alcuni soggetti che ancora inseguono lo spettro di un nemico inesistente quando basterebbe loro guardarsi allo specchio per trovarlo». Condanna arriva anche dall’Anpi: «La Sezione Anpi di Potenza Picena “Cutini e Scipioni” condanna duramente l’attacco vile perpetrato nei confronti del sindaco, alla quale esprimiamo la nostra solidarietà. Chi ha compiuto questo gesto, nulla ha a che spartire con i valori che l’AnpiI rappresenta e tramanda: la Costituzione e la democrazia». Gesto definito vile anche dalla coordinatrice locale del Pd Giulia Foglia: «Non è certo questo il modo di perseguire il confronto politico. Questo è un attacco vile e scorretto. Esprimo la mia condanna personale e quella di tutto il Partito Democratico di Potenza Picena. Tutti noi ci dissociamo dal gesto, senza ombra di dubbio».

 

Il 25 aprile “rivisto” di Potenza Picena La festa della Liberazione diventa ricordo dei caduti in guerra

Quelli che rinnegano il 25 aprile Nel mirino anche il senatore Pazzaglini «Chi va contro l’antifascismo è fascista»

 

Liberazione, la condanna del Pd: «La pandemia non sia un pretesto per cancellare la storia»

Liberazione e Prima guerra mondiale Scivolone del comune di Matelica

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X