facebook twitter rss

Acquedotto Nera, Sciapichetti vs Carancini:
«E’ male informato o non conosce l’iter»

LA POLEMICA riguarda il rinnovo della concessione per l'aumento della captazione, che permetterà ai cinque nuovi Comuni raggiunti di utilizzare l'acqua. L'assessore regionale replica al sindaco: «La documentazione è arrivata in Regione solo a fine della settimana scorsa, dovrà essere valutata»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
5 Condivisioni

Angelo Sciapichetti

 

«La documentazione per il rinnovo della concessione per la captazione di 50 l/s dal Nera è pervenuta in Regione solo alla fine della scorsa settimana. Dovrà pertanto essere valutata dagli uffici e soprattutto dovrà ottenere il nulla osta dall’ente Parco dei monti Sibillini, presupposto per poter procedere al rilascio dell’atto da parte della Regione. Stupisce che il sindaco di Macerata non conosca l’iter della procedura, preferisco pensare che sia stato informato male». Non ci sta l’assessore regionale Angelo Sciapichetti alle accuse che sono piovute addosso a palazzo Raffaello ieri da parte del primo cittadino Romano Carancini, per quanto riguarda il rinnovo della concessione per la captazione di 200 litri/secondo (contro i 150 litri/secondo) che permetterà all’acquedotto del Nera di raggiungere anche i nuovi cinque Comuni allacciati: Treia, Appignano, Montecassiano, Montefano e Osimo. Il sindaco di Macerata aveva parlato di un ritardo inaccettabile da parte della Regione, senza il rinnovo infatti i nuovi arrivati non potranno di fatto utilizzare quell’acqua. E ora Sciapichetti rilancia la palla nel campo avversario, spiegando che la documentazione necessaria è arrivata solo pochi giorni fa.  «Pensavo che la Regione fosse stata chiamata in causa anche per l’impegno profuso dall’ufficio e dal sottoscritto attraverso incontri, confronti e riunioni varie per portare l’acqua a casa delle famiglie dei 5 Comuni interessate – continua Scipichetti – come i sindaci dei comuni sanno ad iniziare dal primo cittadino di Montecassiano Leonardo Catena. Di veramente clamoroso nell’Aato 3 c’è il fatto che nella provincia di Macerata ci sono ancora almeno 13 gestori laddove tutte le altre provincie marchigiane hanno adottato da anni il gestore unico del servizio integrato in ottemperanza a tutta la normativa di settore ciò nonostante le dichiarazioni ufficiali fatte a tutti i livelli a metà 2016 di arrivare entro il dicembre dello stesso anno al gestore unico.
Per il territorio dell’autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale sono stati ipotizzati due interventi strategici di cui quello ricadente nelle Marche è il cosiddetto “Anello dei Sibillini” che nasce dalla volontà condivisa di ministero dell’Ambiente, Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale e della Regione. L’anello prevede una serie di interventi per interconnettere e completare le reti acquedottistiche delle Aato3 – 4 e 5 (indicativamente di riferimento per le province di Macerata, Fermo e Ascoli) e tra questi riveste particolare importanza il completamento dell’acquedotto del Nera, l’incremento dei punti di captazione e alcuni depuratori, oltre alle interconnessioni vere e proprie. L’intero intervento ammonta a circa 230 milioni di euro e al momento il finanziamento è pari solo a 6.100.000 euro per la progettazione di alcuni tratti». In conclusione Sciapichetti conferma che la Regione «farà di tutto per quello che è di sua competenza per affrettare le procedure perché sa bene quanto importante sia non solo rinnovare la concessione di 50 l/s ma soprattutto aumentarla per consentire all’acquedotto del Nera di assolvere fino in fondo alla sua mission che è quella di arrivare a servire i comuni costieri sia della valle del Potenza che di quella del Chienti così come il presidente e il nuovo cda correttamente chiedono».

Acquedotto Nera, altri 5 comuni raggiunti Carancini: «Cosa aspetta la Regione a prorogare l’aumento della portata?»

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X