Unimc a Civitanova,
la maggioranza incalza il sindaco:
«Vietato sbagliare una seconda volta»

I CONSIGLIERI Marzetti e Croia e l'ex sindaco Mobili chiedono a Ciarapica un impegno e un'accelerazione sulla convenzione da portare in consiglio comunale, dopo l'occasione persa per quest'anno accademico
- caricamento letture
croia-marzetti-mobili

Da sinistra Piero Croia, Sergio Marzetti e Massimo Mobili

 

di Laura Boccanera

«Per l’università non si perda altro tempo, stavolta è l’ultimo treno». I consiglieri di maggioranza Piero Croia, Sergio Marzetti e l’ex sindaco Massimo Mobili suonano la sveglia all’amministrazione e tornano a chiedere un confronto e la certezza di vedere realizzato per il prossimo anno accademico 2020/2021 il ritorno dell’università di Macerata a Civitanova. A causa di alcuni ritardi dovuti all’amministrazione infatti non è stato possibile per quest’anno attivare il corso di Scienze Giuridiche, un ateneo diffuso in varie sedi dislocate nella città. Il Ministero non ha concesso l’accreditamento lo scorso maggio perché il Comune non aveva definito la procedura. Un’opportunità non completamente sfumata vista la volontà dell’ateneo maceratese di dirigersi verso la costa, ma con tempistiche certe. Ed è per questo che Marzetti, Croia e Mobili tornano a chiedere di riaprire il dibattito e accelerare la procedura affinché stavolta non si rimanga impreparati. «Sappiamo bene che danni ha provocato l’addio di Mediazione linguistica da Civitanova – ha sostenuto Marzetti – ora si riapre una possibilità, riportare a Civitanova una facoltà con 300 iscritti. A causa di un intoppo si è dovuto rimandare tutto di un anno, ma ora ci si muova. Al Miur l’Università doveva presentare un progetto e degli atti, ma la convenzione da approvare in Consiglio non è ancora pronta». «Non bisogna perdere tempo – fa eco Croia – entro febbraio di questo anno bisogna arrivare ad avere gli atti firmati per consentire all’ateneo di approdare a Civitanova per il prossimo anno accademico con tutti i requisiti necessari dal punto di vista didattico e logistico». Un ritardo quello avvenuto prima dell’estate che ha sfumato la possibilità per le matricole di iscriversi a Civitanova e l’ex primo cittadino chiede al sindaco di individuare una figura ad hoc che si occupi di portare avanti questo progetto. «O il sindaco riassume in sé questo compito – ha sottolineato Mobili – oppure incarichi un assessore, un consigliere o chi vuole lui di seguirlo in maniera adeguata. Sbagliare una seconda volta non è possibile, questa è un’opportunità che non va persa, ma siamo preoccupati perché ad oggi non vediamo un avanzamento, speriamo qualcuno ci stia lavorando, ma di fatto non vediamo nulla». I consiglieri e Mobili auspicano poi anche un chiarimento in merito ai rapporti con Unicam che attualmente occupa alcuni spazi della palazzina studenti anziani. «Spiace dirlo ma non ha avuto i risultati sperati, un master e pochi iscritti e al comune è costato parecchio. E infine – conclude Marzetti – non si escluda dal ragionamento per una sede anche la città alta».

Niente corso Unimc a Civitanova, no del ministero al trasferimento «Non ci sono più i tempi»

Unimc a Civitanova, è ufficiale L’orgoglio di Ciarapica: «La città ha bisogno di lustro culturale»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X