facebook twitter rss

Amianto nelle macerie,
approvata la mozione
sulla richiesta d’intervento del governo

REGIONE - L'annuncio del consigliere Elena Leonardi: «Il voto all'unanimità conferma la necessità di chiarire il contrasto la legge speciale del sisma e quella ordinaria»
martedì 2 Aprile 2019 - Ore 15:29 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
9K Condivisioni

 

 

Sulle macerie contenenti amianto il Consiglio Regionale ha approvato all’unanimità la mozione a firma Elena Leonardi (Fratelli d’Italia) sulla necessità di interrompere la situazione di stallo causata dalla divergenza tra le leggi ordinarie, vale a dire il Decreto Legislativo n. 152 del 2006 e tutta la normativa speciale scaturita a seguito dell’emergenza sisma del 2016. «Attualmente – ha spiegato in Aula la Leonardi – ci si trova pertanto con un articolo del cosiddetto “Decreto-sisma” che contiene di fatto una deroga relativa alla classificazione dei rifiuti includendo i materiali derivanti dai crolli e quelli originati da operazioni di abbattimento e demolizione, tra i rifiuti urbani non pericolosi, con esclusivo riferimento alle fasi di raccolta e trasporto. Quindi questo articolo deroga rispetto al D. Lgs. 152 del 2006 il quale include anche “i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo tra i rifiuti speciali”».

Elena Leonardi

La Leonardi ha evidenziato il fatto che il Cosmari, deputata alle operazioni di raccolta e di successivo stoccaggio delle macerie stesse, si trova di fronte «ad una situazione che attualmente limita le operazioni di raccolta e trasporto alle macerie insistenti su suolo pubblico ovvero, nelle sole aree urbane, su suolo privato – si legge in una nota – Questa modifica alla norma ordinaria, inevitabilmente, pone l’interrogativo su cosa debba intendersi per “area urbana”, stante l’assenza di una sua definizione giuridica e urbanistica». La rappresentante del partito della Meloni ha rappresentato «un quadro difficile dovuto all’ammontare di grandissime quantità di macerie pubbliche e private ancora da smaltire nei territori del sisma Centro Italia – prosegue la nota – e il Consiglio Regionale doveva farsi necessariamente portavoce al fine di chiedere risposte immediate al processo di smaltimento e lavorazione in presenza di amianto, chiarendo in maniera univoca se la legge speciale sul sisma deroga al d.lgs. 152 del 2006 e a tutte le leggi in materia ordinaria». «La mozione approvata oggi – conclude Leonardi – farà si che si chieda al Governo Nazionale l’istituzione di un Tavolo Tecnico urgente al fine di chiarire univocamente l’applicazione delle norme sulle macerie contenenti amianto per sanare il divario attuale tra la norma ordinaria e quella speciale del sisma».

Amianto nelle macerie, mozione in consiglio regionale: «Fare chiarezza sulle norme»

Caso amianto nelle macerie: il Cosmari sospende l’attività sul sisma «Chiarezza sulle procedure»

Amianto nelle macerie del sisma, quattro indagati: c’è anche il direttore del Cosmari

«Macerie, c’è chi blocca le demolizioni Farabollini aiuti i sindaci»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X