facebook twitter rss

Amianto nelle macerie del sisma,
quattro indagati:
c’è anche il direttore del Cosmari

BLITZ della Forestale nell'azienda di smaltimento e in altre ditte esterne: prelevati campioni da analizzare. Giuseppe Giampaoli, insieme ai tre titolari delle altre tre aziende, si dice tranquillo: «Siamo assolutamente sicuri di operare nel rispetto della legge»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

3K Condivisioni

Giampaoli tra le macerie accatastate al Cosmari

 

Amianto nelle macerie del sisma, quattro indagati: c’è anche il direttore del Cosmari Giuseppe Giampaoli. Continua l’inchiesta coordinata dalla procura di Macerata e condotta dai carabinieri forestali, iniziata a maggio dell’anno scorso dopo che alcune fibre di amianto vennero trovate mescolate ad altri rifiuti destinati alla ricostruzione in un’azienda della provincia e al Cosmari. L’ipotesi di reato per cui si procede è lo smaltimento non autorizzato di rifiuti contenenti amianto e sono quattro le persone iscritte nel registro degli indagati, tre responsabili di ditte esterne e Giampaoli appunto, in qualità di direttore del Cosmari. Giovedì la forestale e l’Arpam hanno effettuato un sopralluogo nel Cosmari, dove arrivano le migliaia di tonnellate di macerie da tutta la regione, e prelevato alcuni campioni che saranno poi analizzati per verificare l’eventuale presenza della fibra tossica. La procedura, infatti, prevede che le macerie del terremoto convergano al Cosmari dove materiali nocivi come l’amianto vengono separati. Poi, l’amianto, viene inviato ad altre aziende che si occupano del trattamento al fine della riutilizzazione. Mentre le macerie trattate vengono riutilizzate nella ricostruzione, nella realizzazione delle sae o delle strade. Un procedimento molto complesso, soprattutto quando i rifiuti edili sono così piccoli da richiedere un intervento a mano per prelevare l’amianto. Il punto quindi è capire se l’amianto sia effettivamente rimasto nel materiale utilizzato per la ricostruzione. Si dice del tutto tranquillo Giampaoli. «Hanno fatto dei prelievi al Cosmari e in altre ditte – spiega il direttore –  vedremo i risultati. Noi stiamo facendo il nostro lavoro e siamo assolutamente sicuri di operare nel rispetto della legge. Mi rendo conto che l’argomento è delicato, ma noi stiamo facendo il massimo nel migliore modo possibile. E non a caso le Marche sono state lodate proprio per lo smaltimento delle macerie». Certo è che di amianto nelle macerie ce n’è e molte devono ancora essere recuperate dalla strade.  

Amianto nelle macerie del sisma: indagine al Cosmari e su azienda che si occupa del riutilizzo

 

 

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X