In discoteca per un addio al celibato,
accoltella buttafuori del Donoma

CIVITANOVA - L'aggressore è un operaio 28enne che vive a Pescara e che era in città con alcuni amici: è stato denunciato per lesioni aggravate. L'episodio è avvenuto intorno alle 4 di notte fuori dal locale. La polizia ha ricostruito l'accaduto. L'arma sarebbe stata gettata in un cassonetto in piazza XX Settembre. Il ferito, un giovane di Tolentino, è stato operato e sarebbe fuori pericolo, ha riportato una ferita profonda all'addome
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

vicolo-barboni-retro-donoma

Vicolo Barboni dietro al Donoma (Foto di Federico De Marco)

 

di Gianluca Ginella

Accoltellato un buttafuori della discoteca Donoma di Civitanova, l’aggressore è un giovane abruzzese che stava festeggiando un addio al celibato e che è stato portato in commissariato. Il giovane, L. R., 28 anni, nato ad Atri (in provincia di Teramo) e che vive a Pescara, operaio, ha ammesso le sue responsabilità. Alla polizia ha detto che dopo aver avuto una colluttazione con un buttafuori del locale, pure lui 28enne, si è allontanato per poi tornare, con il coltello nel giubbotto. A quel punto dopo una nuova discussione ha accoltellato l’addetto alla sicurezza. Il giovane è stato denunciato per lesioni aggravate. Il ferito, R. R., di Tolentino, è ricoverato in ospedale a Civitanova: è stato operato e non è in pericolo di vita ma ha riportato una ferita profonda all’addome.

Choc nella notte a Civitanova. Un buttafuori della discoteca Donoma è stato accoltellato da un cliente intorno alle 4.

polizia-comm-lorenzo-sabatucci-archivio-arkiv-civitanova-FDM-1-650x434

Il commissario capo Lorenzo Sabatucci

Secondo quanto è stato ricostruito l’aggressore è un giovane di 28 anni, operaio, che vive a Pescara. Si trovava in città insieme ad alcuni amici per festeggiare un addio al celibato e soggiornavano in un B&B. Dopo essere stati a cena in un locale di Civitanova, la Tavernetta, il 28enne e gli amici si sono spostati alla discoteca. Il 28enne aveva consumato alcol prima di arrivare al Donoma e anche nel locale aveva continuato a bere. Ad un certo punto il personale della sicurezza del locale gli ha chiesto di uscire. Il giovane è uscito dal locale ma poi, su vicolo Barboni, nel retro del locale, è iniziata una discussione con uno dei buttafuori ed è nata una colluttazione. A quel punto il giovane è finito a terra e poi si è allontanato. Dopo un po’ però è tornato, questa volta con sé aveva un coltello che teneva nella tasca del giubbotto.

tiziano-luzi-e1544463158894

L’avvocato Tiziano Luzi

Il giovane è andato a cercare l’addetto alla sicurezza con cui c’era stata la colluttazione. A quel punto, dopo una nuova discussione, stando alla versione data dallo stesso indagato che è stato interrogato dalla polizia, ha estratto il coltello e ha ferito il buttafuori all’addome. Fatto questo è fuggito e ha gettato il coltello in un cassonetto della vicina piazza XX Settembre. Coltello che comunque il 28enne ha detto non essere suo. Sull’accoltellamento ha detto che in quei momenti era arrabbiato e sotto l’effetto dell’alcol che aveva bevuto. Il giovane dopo aver ferito il buttafuori è stato fermato dalla polizia del commissariato di Civitanova, diretta dal commissario capo Lorenzo Sabatucci. Il 28enne, assistito dagli avvocati Tiziano Luzi e Elisa Ciciriello, ha ammesso i fatti ed è stato denunciato per lesioni aggravate. Il buttafuori, portato in ospedale a Civitanova dopo l’aggressione, è stato operato. Il giovane non è in pericolo di vita, ha però riportato una profonda ferita all’addome.

(Ultimo aggiornamento alle 16,10)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X