facebook twitter rss

Piero Farabollini
commissario alla ricostruzione
L’annuncio ufficiale arriva da Di Maio

IL GEOLOGO, 58 anni, di Treia, professore all'Università di Camerino, è stato nominato al termine del Consiglio dei ministri delle 18,30. Prende il posto di Paola De Micheli. Le sue prime parole: «Sarà un impegno gravoso ma sono uno che si sporca le mani». La soddisfazione di Unicam e dei 5Stelle
giovedì 4 ottobre 2018 - Ore 20:16 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

L’annuncio di Di Maio (nella foto Piero Farabollini)

 

«Piero Farabollini è il nuovo commissario straordinario per il terremoto. Lo abbiamo nominato al Consiglio dei Ministri e voglio per prima cosa fargli i migliori auguri perché ora ha davanti a sè tante responsabilità e un compito che non è facile, ma può contare sul sostegno assoluto del governo». Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio su instagram. «Piero è un geologo brillante, ha un curriculum impressionante, centinaia di pubblicazioni, è componente di diversi comitati scientifici istituiti per fronteggiare l’emergenza del terremoto nel Centro Italia. E’ un professore, ma non un professorone. E’ uno di quelli che sta sul campo, in mezzo alle macerie per capire come risolvere i problemi e poi agire. Competenza e motivazione. La persona giusta al posto giusto. Non un uomo di partito (noi non abbiamo poltronari da piazzare come facevano gli altri), ma la migliore scelta che potevamo fare! Martedì sarò assieme a lui ad Accumoli per un sopralluogo. I terremotati non sono più  cittadini di serie B!»

L’ANTICIPAZIONE – Nel primo pomeriggio la fumata bianca  (leggi l’articolo). «Qualche comunicazione mi è arrivata, ma ancora niente di ufficiale» aveva detto Farabollini alle 16. Qualche ora dopo ecco l’annuncio ufficiale di Di Maio, arrivato attorno alle 20, al termine del Consiglio dei ministri iniziato alle 18,30.  Piero Farabollini, 58 anni, treiese, geologo e professore dell’università degli studi di Camerino, è il nuovo commissario straordinario per il terremoto. Il nome di Farabollini è stato caldeggiato dal Movimento 5 Stelle.

LE PRIME PAROLE – «Di un incarico come questo si deve essere orgogliosi, anche se è un impegno gravoso – sono le prime parole di Farabollini da commissario – . Io sono un professore universitario, il mio lavoro è questo, all’ateneo di Camerino, sono uno che si sporca le mani ed è abituato ad affrontare i problemi. Faccio questo mestiere, sono abituato a dare contributi, chi lavora si adopera per aiutare». Farabollini prenderà il posto di Paola De Micheli, esponente dem che, nel ruolo di commissario, è succeduta a Vasco Errani nel settembre dello scorso anno.

LA CARRIERA – Farabollini vanta un ricco curriculum, con centinaia di pubblicazioni all’attivo. E ha lavorato sul sisma che ha colpito il Centro Italia. Tra le altre cose, è stato referente scientifico, al Cnr, nell’ambito dello ‘Studio geologico e morfostrutturale delle faglie attive e capaci ricadenti nei Comuni della Regione Marche colpite dal terremoto. Ed è componente di diversi Comitati scientifici istituiti per fronteggiare l’emergenza sismaSi è laureato a Camerino in scienze geologiche nel 1987 e ha conseguito il dottorato in scienze della terra all’università di Perugia nel 1995. Ad Unicam è direttore della scuola in “Indagine geomorfologica applicata ai pericoli naturali per la pianificazione e l’uso del suolo”, è stato consigliere nazionale dell’ordine dei geologi tra il 2010 ed il 2015, è tra l’elenco degli esperti della Regione Marche in ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico. Ha effettuato ricerche scientifiche sull’evoluzione geomorfologica dell’Appennino Umbro-Marchigiano,

L’ALTRO NOME – «Il nuovo commissario non sarà un parlamentare e sarà qualcuno del territorio» aveva detto nei giorni scorsi durante una conferenza stampa il deputato della Lega Tullio Patassini, anche lui di Treia (leggi l’articolo). E negli ultimi giorni il nome più caldo era stato quello di Gianfranco Ruffini, ingegnere di Tolentino, inizialmente proposto dalla Lega.

I COMMENTI – Soddisfazione per la nomina è stata subito espressa dal rettore Unicam Claudio Pettinari, in un nota: «L’intera comunità universitaria esprime grande soddisfazione per la nomina del prof. Piero Farabollini, geologo e docente della sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie, a Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione sisma 2016 – si legge – il prof. Farabollini, che attualmente ricopre anche il ruolo di Presidente dell’Ordine dei Geologi delle Marche, è docente di geomorfologia applicata e di geologia ambientale e da anni la sua attività di ricerca ha prodotto numerose pubblicazioni scientifiche nonché importanti riconoscimenti. Coordina le attività legate alla microzonazione sismica di cui si sta occupando la sezione di Geologia Unicam dopo aver ottenuto l’associatura al Centro di Microzonazione Sismica e le sue applicazioni (CentroMS) del Cnr. Certamente la professionalità e le competenze del prof. Farabollini potranno essere di aiuto in questo gravoso e non facile compito che lo aspetta». La notizia della nomina di Farabollini è rimbalzata sui social, suscitando numerose reazioni positive, tra tanti terremotati che sperano in un cambio di passo nel lungo e difficile processo di ricostruzione. Soddisfatta per la nomina anche l’onorevole Patrizia Terzoni: «Piena soddisfazione nella nomina di Piero Farabollini come nuovo commissario per la ricostruzione del sisma 2016. Marchigiano, geologo e professore dell’università degli studi di Camerino, ha lavorato sul sisma che ha colpito il Centro Italia, è stato referente scientifico, presso il Cnr, nell’ambito dello ‘Studio geologico e morfostrutturale delle faglie attive e capaci ricadenti nei Comuni della Regione Marchè colpite dal terremoto’. Sempre attivo sul territorio, puntiglioso nel suo lavoro, una persona che confido possa fare molto per la sua terra mettendoci corpo, anima e cuore! Buon lavoro e benvenuto nella squadra».

(redazione CM)

Sisma, nuovo commissario: scelto il prof Unicam Farabollini

Diversi gli interventi che il professor Farabollini ha inviato a Cronache Maceratesi  negli ultimi due anni (gli articoli qui sotto).

 

Decreti sulla ricostruzione: incarichi, indagini e parcelle

Rigopiano, analisi geologica di una tragedia

Laghi di Pilato, i geologi confermano: “Chirocefalo in salvo ma serve pianificazione”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X