Disastro alla Orim,
aperto fascicolo per incendio colposo
Spenti anche gli ultimi focolai

MACERATA - In corso gli accertamenti della Procura, al momento non ci sono indagati. Il direttore dell'Arpam: «Da quanto ci dice l'azienda non sono bruciate plastiche con Pvc. Occorrerà vedere i registri». Nel pomeriggio i vigili del fuoco hanno concluso l'intervento. Resta fermo l'invito a non consumare frutta e verdura della zona interessata dai fumi
- caricamento letture

ORIM_incendio_FF-3-650x433

 

di Gianluca Ginella

(nelle foto di Fabio Falcioni i vigili del fuoco al lavoro oggi alla Orim)

Incendio alla Orim, la procura apre un fascicolo per incendio colposo e inquinamento ambientale. Al momento non ci sono indagati. Intanto da questa mattina l’Arpam è al lavoro per svolgere i campionamenti dell’aria, «il primo lo abbiamo eseguito questa mattina. Sono inoltre in corso i campionamenti dei vegetali nell’ipotetica area di ricaduta dei fumi. Abbiamo messo in cartografia le aziende che devono essere controllate.

ORIM_incendio_FF-6-650x433Sono 7-8 aziende che sono ripartite lungo tutta l’area interessata e poi ci saranno i tempi di analisi che varieranno da mercoledì o giovedì della prossima settimana a fine della settimana prossima» spiega il direttore dell’Arpam, Tristano Leoni. Arpam nel pomeriggio ha completato i primi campionamenti di aria e terreni. Per le prime risposte servirà attendere qualche giorno ma dovrebbe venire fuori qualcosa tra mercoledì e venerdì. Ma cosa è bruciato nell’incendio di ieri alla Orim? «Sulla base di quanto ci è stato riferito dall’azienda, in prevalenza si tratta di solventi, c’erano poi carta e cartone, c’erano anche plastiche (ci hanno detto che non sono costituite da Pvc), erano prevalentemente polietilene e polipropilene, in base alle informazioni che ho reperito direttamente dal proprietario. Ma occorrerà vedere i registri per poter dire con certezza cosa sia bruciato». Intanto nel pomeriggio i vigili del fuoco hanno concluso le operazioni di spegnimento degli ultimi focolai d’incendio. Nei prossimi giorni al via gli accertamenti da parte degli inquirenti per stabilire le cause del rogo.

orim-sequestro-falcioni2-650x433Oggi il procuratore Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo d’indagine. Le ipotesi di reato sono incendio colposo e inquinamento ambientale. Al momento comunque le indagini sono in una fase embrionale e gli accertamenti sono in corso in particolare per capire come si sia generato l’incendio che per tre ore ha devastato i capannoni dell’azienda che si occupa di smaltimento di rifiuti speciali con una colonna di fumo alta decine di metri.

Per quanto riguarda frutta e verdura, resta fermo l’invito fatto ieri dal comune di Macerata a evitare di consumare prodotti che siano stati coltivati nella zona vicino all’azienda e quella dove si è mosso il fumo dell’incendio (che i venti portavano in direzione della costa).   

ORIM_incendio_FF-1-650x433

 

incendio-orim-piediripa-FDM-3-650x434

ORIM_Incendio_FF-9-650x434

incendio_orim_foto_ADB_00014-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X