Casapound torna a Macerata:
«Accoglienza, è ora di dire basta»

MANIFESTAZIONE - Il movimento, a due mesi esatti dall'ultimo sit-in, dà appuntamento sabato alle 18 in piazza Cesare Battisti per parlare di immigrazione, violenza e spaccio: «Bisogna dire le cose come stanno veramente»
- caricamento letture
DiStefano_CasaPound_FF-7-325x216

La visita di Di Stefano a Macerata

 

L’ultradestra torna a Macerata, in piazza Cesare Battisti. Sabato alle 18 presidio di Casapound contro «spaccio, degrado, violenza», recita la locandina pubblicata sulla pagina Facebook del partito. Con uno slogan che è il leitmotiv che ha accompagnato anche il leader Simone Di Stefano lo scorso 7 febbraio: «Basta accoglienza». L’ultima sfilata di Casapound a Macerata, in piena campagna elettorale, aveva toccato i temi dell’immigrazione e il caso dell’omicidio brutale di Pamela Mastropietro. Incalzato dai giornalisti Di Stefano aveva poi condannato il gesto di Luca Traini, il 29enne che pochi giorni prima (il 3 febbraio) aveva aperto il fuoco contro persone di colore in giro per la città. Anche in questo caso ci sono i fatti di Macerata dietro alla manifestazione. «È ora di dire le cose come stanno veramente a Macerata – scrive Casapound dando l’annuncio del presidio – senza buonismi o mezzi termini. È ora di dire basta».

casapound

CasaPound, Di Stefano a Macerata: (Video) «Sono qui per Pamela, pena di morte per chi l’ha fatta a pezzi»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =