Macerie, nuovo capannone al Cosmari:
si passa a 1500 tonnellate al giorno (Foto)

TOLENTINO - Il taglio del nastro questa mattina in località Piane di Chienti. L'opera, realizzata in sei mesi, è stata finanziata dalla Regione con i fondi del sisma
- caricamento letture

 

 

Consmari_inaugurazione_FF-23-650x433

 

Consmari_inaugurazione_Pezzanesi_Scipichetti_Ciurlanti_Giampaoli_FF-1-325x216

 

 

di Federica Nardi

(foto di Fabio Falcioni)

Le macerie del sisma, al Cosmari, diventano altro. Gli oggetti e i ricordi tornano dai proprietari, le pietre storiche vengono catalogate e conservate e il resto andrà per strade e ricostruzione. A un ritmo che, con il nuovo capannone inaugurato oggi nella sede in località Piane di Chienti a Tolentino, potrà arrivare a 1500 tonnellate al giorno. Realizzato in 6 mesi per un costo di 3 milioni di euro e finanziato interamente dalla Regione con i fondi del sisma, il nuovo capannone misura 2.400 metri quadrati. Ha all’interno un meccanismo che garantisce un ricambio d’aria tre volte all’ora e nel giro di qualche settimana sarà dotato di un impianto trasportatore per evitare agli operai di chinarsi continuamente nel lavoro di cernita delle macerie. Un lavoro che ha visto il Cosmari in prima linea dall’inizio dello smaltimento. «Siamo partiti da 500 tonnellate al giorno – ricorda il presidente Graziano Ciurlanti -. Questo impianto ci permette di aumentare la quantità per sgomberare le macerie dal territorio». Macerie che, per la parte su strada pubblica, sono state «completamente rimosse – dice l’assessore regionale Angelo Sciapichetti -. Da mesi subiamo una critica continua ma serve un’operazione verità. Le macerie pubbliche rimosse in questi mesi sono 261mila tonnellate, molte di più rispetto ad altri terremoti come quello dell’Aquila. Ora c’è bisogno di collaborazione per la parte privata, i Comuni dovranno attivarsi con le ordinanze».

COSMARI

L’interno del nuovo capannone

Consmari_inaugurazione_FF-27-325x216Le macerie ancora da rimuovere, secondo i dati regionali di giugno, erano circa mezzo milione di tonnellate solo nel Maceratese. Ribadito da Sciapichetti e anche dal sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi l’importanza di mantenere il Cosmari in mano pubblica, così come il ciclo di smaltimento delle macerie. «Ci deve rendere orgogliosi – ha detto l’assessore -. Ma questo non toglie che esistono altri problemi e bisogna accelerare». Giuseppe Giampaoli, direttore del Cosmari, ha poi spiegato come si procede. «Separiamo tutte le macerie il più possibile – ha detto Giampaoli – lavorando 24 ore al giorno. Abbiamo assunto 40 persone specializzate in questo tipo di lavoro. Ogni porta ha un impianto che getta acqua per non portare all’esterno le polveri e il personale viene decontaminato». A collaborare anche ditte private per il trasporto e l’esercito. Per quanto riguarda materiali pericolosi, come l’amianto, ne sono stati rimossi in totale 12mila e 662 chili. Per gli oggetti personali gli operai hanno recuperato un po’ di tutto. Dai peluches alle foto, fino ad armi e munizioni, vestiti, documenti, cellulari. Sono state riconsegnate ai proprietari anche due raccolte di francobolli, mazzi di chiavi e banconote. Le armi e gli oggetti di valore vengono per prima cosa consegnati ai carabinieri. Gli inerti, cioè i materiali da costruzione, vengono invece inviati a frantoi che poi li potranno vendere per la ricostruzione, strade e ai Comuni che ne faranno richiesta. Discorso diverso per i materiali da costruzione con valore storico e artistico che sono stati consegnati ai carabinieri del nucleo Tutela e patrimonio, mentre le pietre squadrate e altri materiali di interesse sono riposti in bancali dedicati, catalogati elettronicamente.

 

Consmari_inaugurazione_Pezzanesi_Ciurlanti_Sciapichetti_FF-2-650x433

Consmari_inaugurazione_Giampaoli_FF-25-650x432

Consmari_inaugurazione_FF-31-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-24-650x433

 

Consmari_inaugurazione_FF-28-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-29-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-30-650x433

 

Consmari_inaugurazione_FF-22-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-18-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-17-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-21-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-16-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-20-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-15-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-19-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-14-650x433

 

Consmari_inaugurazione_FF-13-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-7-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-12-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-6-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-5-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-11-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-10-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-4-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-3-650x433

Consmari_inaugurazione_FF-9-650x433

Consmari_inaugurazione_Ceregioli_FF-26-650x603

Consmari_inaugurazione_Ciurlanti_FF-8-650x644

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X