Stephen, dalla speranza al dramma:
“Ragazzo cordiale e solare,
tanto impegno per trovare un lavoro”

MACERATA - Il 23enne è morto questa notte precipitando da una finestra. Era ospite del Gus. Il ricordo del presidente dell'associazione: "Vogliamo solamente dare dignità alla scomparsa del ragazzo. Stiamo predisponendo una cerimonia religiosa". Dal pizzaiolo al giardiniere, ha fatto di tutto per mantenersi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
suicidio_macerata_5_giugno-650x425

I soccorsi nella notte

 

stephen

Stephen Omoghie

 

«Stephen lo ricordano tutti come un ragazzone cordiale e solare, “con una propensione a risolvere i conflitti attraverso il dialogo e la condivisione”» così il Gus (Gruppo umana solidarietà) ricorda il giovane di 23 anni che è morto precipitando dal quarto piano di una palazzina in via Ferrucci, a Macerata (leggi l’articolo). Il nigeriano, Stephen Omoghie, era beneficiario del progetto Sprar “MaceratAccoglie” del comune di Macerata gestito dal Gus. «Sui concitati frangenti che hanno preceduto la caduta sono in corso le indagini degli inquirenti» dice il presidente del Gus Paolo Bernabucci, che ringrazia le forze dell’ordine intervenute con grande professionalità e discrezione sul luogo dell’incidente. Il giovane, stando agli accertamenti, era in uno stato di agitazione questa notte e si è gettato dalla finestra del bagno. «In questa occasione così dolorosa –  aggiunge Bernabucci – cerchiamo di fare la nostra parte per interpretare al meglio quelli che sono i desideri della sua famiglia. Con la sua comunità dei cristiani pentacostali stiamo predisponendo la cerimonia religiosa, mentre cerchiamo di svolgere rapidamente le pratiche burocratiche per restituire il corpo del ragazzo ai suoi familiari. Ora vogliamo solamente dare dignità alla morte del ragazzo, che ha vissuto gli ultimi anni della sua vita nella nostra terra, nella nostra città». Il 23enne era entrato nel progetto nell’aprile 2015, aveva ricevuto il diniego alla richiesta di protezione internazionale da parte della commissione territoriale e ora stava sostenendo il ricorso in appello. «Nel frattempo si è dato da fare, prima imparando a parlare con padronanza la nostra lingua, poi cercando di migliorarsi durante le dieci ore settimanali previste dal progetto – lo ricorda il Gus –. Ma il suo impegno era soprattutto teso alla ricerca di un lavoro e di una stabilità economica. Non si perdeva un corso di formazione professionale, dal pizzaiolo presso “Pizzeria dal Napoletano”, al saldatore, fino al tirocinio presso il negozio “Africa Shop” di viale Carradori a Macerata. L’estate scorsa ha iniziato un nuovo lavoro come giardiniere a Recanati. Purtroppo l’esperienza lavorativa non si è concretizzata con un’assunzione, ma Stephen non si perdeva d’animo è si impegnava molto per cercare un lavoro stabile a Macerata e nei dintorni, oltre a partecipare con entusiasmo alle attività ricreative e di integrazione promosse dal progetto “MaceratAccoglie”». Bernabucci conclude dicendo che «Non avremmo mai voluto che questo nostro aiuto si trasformasse nella riconsegna di un corpo privo di vita ai suoi genitori, avremmo preferito che come molti nostri ragazzi beneficiari dei progetti di accoglienza che seguiamo, potesse essere autonomo e indipendente, ma così non è stato».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X