Ultimatum agli sfollati del camping:
“Ci potrebbero staccare acqua e luce”

POTENZA PICENA - Partito stamattina il booking per trasferire gli ospiti del Natural Village. Il termine resta il 31 maggio. La direzione ai sindaci: "Siete responsabili di disagi e inconvenienti che dovrebbero verificarsi"
- caricamento letture

morgoni-8-300x400

L’incontro di ieri tra il senatore Mario Morgoni e gli sfollati ospiti del Natural Village

 

di Claudio Ricci

Resta il 31 maggio, il termine concesso agli sfollati per lasciare il Natural Village di Potenza Picena. A ribadirlo è una lettera indirizzata dalla proprietà del camping ai sindaci dei Comuni che hanno ospiti nella struttura. Nel testo si fa riferimento alla comunicazione ricevuta dal dirigente regionale della Protezione civile il 12 maggio scorso, circa la riallocazione dei 192 terremotati ospiti. Riallocazione “che non è stata definita e procede a rilento – si legge nella lettera della Wooden Village srl  – Considerando che è stato ribadito da parte della Regione il ruolo primario delle amministrazioni comunali nella gestione della presente situazione ed è stato contestualmente messo a vostra disposizione l’elenco delle strutture resesi disponibili per l’accoglienza, sottolineiamo la necessità che le procedure atte agli spostamenti vengano disposte e portate a termine in tempi rapidi. A tale proposito, e come anticipato verbalmente alle persone interessate, ci siamo resi disponibili ad ospitare oltre la scadenza del contratto del 31 maggio 2017 esclusivamente le famiglie con bambini che devono sostenere gli esami finali delle scuole medie e superiori entro il mese di giugno 2017 per un massimo di 20 unità abitative. Diversamente le amministrazioni comunali dovranno essere ritenute responsabili – anche nei confronti dell’opinione pubblica – dei disagi e degli inconvenienti che dovrebbero verificarsi”. Proprio ieri il senatore Mario Morgoni aveva annunciato battaglia dopo un incontro con gli sfollati (leggi l’articolo).

terremotati-e1495470954707-300x400

La lettera inviata ai sindaci dalla proprietà del camping

Stamattina al Natural Village i funzionari della Regione hanno raccolto i dati degli ospiti ( e le preferenze sulle future destinazioni) per il booking, operazione preliminare allo spostamento in altre strutture individuate nell’entroterra. Sul posto anche uno dei portavoce del comitato “La terra trema”, Diego Camillozzi: “Piccinini, della Regione, ha detto che a chi rimarrà qui dopo il 31 maggio verrà presentato il conto. In realtà, secondo i legali che abbiamo consultato, il contratto firmato dalla protezione civile prevede fino al 19 agosto lo stato di emergenza, che poi sarà prorogato da Errani fino a fine anno visto che le casette non sono ancora pronte. Stamattina ci hanno detto che se rimanevamo nei villini poteva accadere che ci venissero staccate acqua e luce. In realtà stanno facendo terrorismo psicologico e la situazione si fa veramente pesante per le persone che vivono questo stress”.

Sfollati, la battaglia di Morgoni: “Non muovetevi dal Natural Village”

Sfollati “sfrattati” dal camping La rabbia: “Non ce ne andiamo Trattati come bestie”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X