Il sarnanese Riccardo Massi
al Metropolitan Opera
di New York

LIRICA - Il tenore ritorna sul prestigioso palcoscenico nel ruolo di Radames in Aida, nello storico allestimento di Sonja Frisell diretto da Daniele Rustioni. "È per me un onore ed un privilegio ritornare al Met, un tempio sacro come pochi in quanto tutti i più grandi cantanti dell'epoca d'oro si sono esibiti qui"
- caricamento letture
Riccardo-Massi-ⓒ-Benjamin-Ealovega-2-267x400

Il tenore sarnanese Riccardo Massi si esibirà al Metropolitan Opera di New York (foto Benjamin Ealovega)

 

Riccardo Massi ritorna al Metropolitan Opera di New York. Il tenore sarnanese sarà Radames in Aida, nello storico allestimento di Sonja Frisell diretto da Daniele Rustioni. Al suo fianco Krassimira Stoyanova e Latonia Moore si alterneranno nel ruolo eponimo, Violeta Urmana sarà Amneris, George Gagnidze interpreterà il ruolo di Amonasro e James Morris quello di Ramfis. Appuntamento per il 10 aprile, prima di tre recite che si concluderanno il 20 aprile. Radames è stato il ruolo del debutto di Riccardo Massi al Met nel 2012, e lo ha inoltre interpretato in molti altri teatri prestigiosi quale il Teatro Regio di Torino, il Michigan Opera Theatre di Detroit e Houston Grand Opera. «È per me un onore ed un privilegio ritornare al Met – dice Massi – un tempio sacro come pochi in quanto tutti i più grandi cantanti dell’epoca d’oro si sono esibiti qui: Caruso, Pinza, Callas, Caballé, Corelli, Pavarotti, Del Monaco e Domingo, e potrei continuare. È un’onere e una magnifica responsabilità. Il ruolo di Radames è un ruolo indubbiamente impegnativo ma scritto molto bene per il tenore: l’aria ”Celeste Aida” è una bella prova da affrontare, subito all’inizio dell’opera, ma la linea di canto di Giuseppe Verdi è così magnifica che ripaga di tutto – sottolinea –  Tornare ad interpretare il guerriero egizio dopo 5 anni sullo stesso palcoscenico è una grande emozione: l’allestimento tradizionale di Sonja Frisell di questa Aida è così bello e monumentale che incarna perfettamente la definizione di “classico”; semplicemente intramontabile. I miei colleghi in questa produzione sono George Gagnidze, Kassimira Stoyanova,Violeta Urmana, Latonia Moore, James Morris; saremo diretti dal Maestro Daniele Rustioni e sarà un enorme piacere dividere con loro le note emozionanti del maestro Verdi». In aggiunta a questa Aida del Met, la stagione 2016/2017 del tenore marchigiano include il debutto nel ruolo di Des Grieux in Manon Lescaut alla Staatsoper di Berlino e al Teatro Bol’šoj di Mosca, Calaf in Turandot all’Opera di Colonia, e il debutto al New National Theatre di Tokyo nel ruolo di Pinkerton in Madama Butterfly (leggi l’articolo).

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X