Multe alle auto con permessi baby,
un papà: “Ci hanno fatto una trappola”

MACERATA - Le nuove tariffe introdotte da Apm non consentono la sosta libera su tutte le strisce blu a chi ha un figlio con meno di 3 anni. Mirko Zampi: "Hanno detto di aver mandato una lettera ma a me e ad altri non è mai arrivata". L'assessore alla Mobilità Mario Iesari: "Con Apm capiremo quante sanzioni sono state fatte e se è possibile rimediare"
- caricamento letture
ingorgo-rampa-zara-1-650x366

Parcheggi di Rampa Zara

 

Famiglie beffate dal nuovo regolamento sui permessi baby nei parcheggi gestiti da Apm a Macerata. In corrispondenza con il cambio delle tariffe avviato da gennaio mamme e papà non potranno più lasciare le auto su tutte le strisce blu della città ma solo negli stalli con tariffa oraria a 70 centesimi. “Il problema è che molti non sono stati informati – dice Mirko Zampi papà di una bimba di due anni e mezzo- Hanno fatto una trappola, multando molte famiglie. Soprattutto quelle che nel pomeriggio accompagnano i figli alla biblioteca comunale per le attività pomeridiane rivolte ai bambini. Hanno detto di aver mandato una lettera ma a me e diversi altri genitori che conosco non è mai arrivata”. Zampi vive a Macerata da 5 anni e ammette: “Il permesso ci faceva molto comodo con i bambini piccoli. Almeno potevano aspettare che quelli ancora validi scadessero”. Il “baby” consentiva di lasciare l’auto in sosta per due ore (inserendo il disco orario) in tutti gli stalli di sosta a pagamento.

Mario-Iesari

Mario Iesari, assessore alla Mobilità

“L’agevolazione riguarda ancora il 65% dei parcheggi a pagamento di tutta la città – spiega l’assessore alla Mobilità Mario Iesari – Non è più valida sulla zona del centro storico, corso Cavour e corso Cairoli. Abbiamo recepito la protesta di alcuni genitori ma le lettere sono state mandate a tutti da Apm. Una percentuale minima sarebbero ritornate senza raggiungere i destinatari. Ora ci siamo ripromessi con Apm di capire meglio ciò che è stato fatto e quali sono l’entità e le dimensioni del problema, dal punto di vista delle mule fatte e se è possibile rimediare”.

(Cla.Ri.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X