Annibal Caro, celebrazioni
per i 450 anni dalla morte

CIVITANOVA - Al via una serie di incontri, giovedì sarà collocata una targa al loggiato di Civitanova Alta
- caricamento letture
La mostra Nel segno di Caro

La mostra Nel segno di Caro

 

Novembre mese dedicato ad Annibal Caro. Dopo l’avvio estivo, tornano le iniziative dedicate al poeta civitanovese nell’anniversario per i 450 anni dalla sua morte. Si tratta della fase conclusiva delle celebrazioni con tre importanti appuntamenti in programma in corrispondenza del giorno della morte che cade giovedì 17 novembre.  Dopo la mostra multimediale “Sotto il segno di Caro” allestita al Sant’Agostino di Civitanova Alta, domani, domenica 13 novembre, alle 17,30, lo spazio multimediale San Francesco ospita l’incontro “Conversazione su Annibal Caro e il Rinascimento italiano” con i professori Pier Luigi Cavalieri,  Stefano Papetti e Marcello Verdenelli e il direttore della Pinacoteca “Moretti” Enrica Bruni nella  veste di moderatore.  Giovedì 17 novembre, in mattinata, alla presenza di alcune scolaresche, verrà “scoperta” la targa commemorativa con il sonetto che Caro ha dedicato a Civitanova, quello che si chiude con i famosi  versi “Pico non vide mai nido sì bello”. La targa verrà collocata sotto il loggiato del palazzo comunale di Civitanova Alta.  Sabato 19, a partire dalle 16, ci sarà il convegno “Essendo il convito di molte vivande… vi sarà  pasto per ognuno” a cura di Alvise Manni. L’evento si svolgerà a San Francesco, tra i relatori il linguista Massimo Arcangeli, Giosuè Auletta, presidente dell’ecomuseo lazio virgiliano, il dirigente scolastico Claudio Bernacchia, Francesco D’Andria, professore emerito di archeologia classica, Luigi De Simone, proprietario della  commenda di Montefiascone, Diana Ghaleb, dottoressa in filologia moderna, Alvise Manni, Federico Mussano, socio fondatore della biblioteca enigmistica, Emanuel Stelzer dottorando in studi umanistici. Sempre sabato 19 novembre, alle 21,15, al teatro Annibal Caro si svolgerà la serata di chiusura  delle celebrazioni con un omaggio dal titolo “In nome di Caro”. Parole, musica, immagini, in  collaborazione con Civitanova “Classica piano festival”. Un omaggio che vedrà in scena la pianista Gile Bae, giovane talento vincitrice di numerosi premi internazionali, insieme agli attori Roberto  Marinelli e Simone Pieroni, che reciteranno alcuni degli scritti più significativi del Caro tratti dalle Lettere familiari, dall’Eneide e dalla commedia “Gli Straccioni”. Le immagini che  accompagneranno il percorso narrativo e musicale sono curate dal video maker Alessandro Bracalente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =