facebook twitter rss

Polvere e pioggia,
la lunga notte di Visso
“E’ stato un bombardamento”

SISMA/ REPORTAGE - Una palazzina squarciata in centro, tre case e una chiesa crollate nella frazione Villa Sant'Antonio. Tantissimi gli sfollati in attesa delle tende (in arrivo 800 posti letto). Al momento l'unico punto di accoglienza è la sede della Croce Rossa. Il terrore nei racconti e nei volti dei residenti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

8 Condivisioni

terremoto_26_ottobre_castelsantangelo_foto_de_marco-3

 

terremoto_26_ottobre_castelsantangelo_foto_de_marco-3

 

di  Federica Nardi

(foto di Federico De Marco)

«Visso sembra bombardata», queste le parole di chi alle 21,18 era già sceso di casa nella piazza principale della cittadina maceratese dopo la prima forte scossa delle 19.11. Pochi secondi e il terremoto di magnitudo 5.9 ha tirato giù un pezzo di parete dell’edificio che ospita il bar Sibilla, nella piazza principale della città, squarciato la palazzina a pochi metri dall’ingresso della piazza e aperto crepe in tutte le facciate del centro storico. Nella frazione di Villa Sant’Antonio sono crollate tre case e la chiesa bloccando la circolazione. Drammatica, prima dell’intervento dei soccorsi, anche la situazione lungo la strada che porta a Castel Sant’Angelo dove una frana ha impedito di raggiungere la cittadina. Al momento dice il sindaco di Visso Giuliano Pazzaglini «Non sappiamo il numero preciso degli sfollati, non risultano vittime e ci sono stati tre feriti alla Svila dopo la prima scossa.

terremoto_26_ottobre_castelsantangelo_foto_de_marco-1Ci stiamo organizzando perché il livello del danno è enormemente superiore a qualsiasi altro terremoto. Stavamo già lavorando al dopo sisma, ma evidentemente era prematuro. L’importante adesso è capire la condizione delle persone e la ricognizione dei danni la faremo dopo». Pazzaglini parla all’ingresso della struttura in legno della Croce Rossa di Visso che al momento è l’unico punto di accoglienza strutturato sul territorio e sede del Centro operativo comunale (Coc). «Dobbiamo organizzarci per ospitare la stragrande maggioranza della popolazione del centro storico», dice Pazzaglini.

Sotto la pioggia con una lunga notte davanti anche alcuni residenti di Castel Sant’Angelo sul Nera che sono arrivati appena la strada è stata liberata. Un pullman è stato portato nel Coc allestito qui nella sede della croce rossa di Visso per permettere a chi vuole di dormire al caldo. Le persone malate o inferme dormiranno nei letti della Croce Rossa. Altri ancora si stringono nelle coperte nel prefabbricato pieno di brandine che già la notte del 24 agosto aveva ospitato gli sfollati. «Mi sono trasferito a Visso domenica – dice Daniele Monti, 28 anni di Porto Sant’Elpidio -. Alla prima scossa stavo prelevando alle poste ma la corrente è andata via e la mia carta è rimasta dentro. Così sono tornato a casa, la scossa è stata fortissima, ha fatto diverse crepe ed è caduto tutto per terra. È la cosa più brutta che ho vissuto in vita mia».

Con lui decine di persone come Romolo Doninici, 76anni, che dopo la seconda scossa è fuggito dalla sua casa di Visso frazione villa Sant’Antonio. «È un macello là” dice Dominici. Nevzat, 25 anni, macedone residente a Visso, si stava mettendo a tavola per cenare “quando ho sentito il terremoto è rimasto tutto lì sulla tavola, alla seconda scossa stavo chiudendo il portone di casa e la casa del vicino è crollata e per poco non ci rimanevo». Il 25enne sorride anche se ha paura: «La paura c’è ma cosa dobbiamo fare? Tutte le case sono danneggiate, c’è solo da farsi forza». Latif, 41anni, macedone anche lui, ricorda anche la scossa del ’97: «La mia paura è che non ci sarà più lavoro». L’acqua a Visso non è più potabile dopo il sisma. Il campo è rifornito con bottigliette d’acqua e a breve arriverà una cisterna. Le tende (800 posti letto) non arriveranno prima di domani. Molti, che non hanno trovato spazio nelle brandine, dormono in macchina o attendono svegli l’alba. La cucina da campo verrà allestita domani sempre nella sede della Croce Rossa di Visso.

Romolo Dominici, 76 anni

Romolo Dominici, 76 anni

 

Daniele Monti

Daniele Monti

latif-visso-terremoto26ottobre

Latif 46 anni

terremoto_26_ottobre_castelsantangelo_foto_de_marco-4

terremoto_26_ottobre_castelsantangelo_foto_de_marco-6

Il crollo della casa a Visso

 

 

La testimonianza, è crollato tutto ma resta: “Per me Visso è Visso”

 

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X