Il conflitto afghano nel libro di Picchio:
“Pensando a certe immagini non dormo”

Il fotoreporter maceratese ha voluto raccontare così tredici anni di storia che fanno ancora parte del presente. Ricordate le 53 vittime italiane cadute durante la missione di pace. Raccolte le testimonianze di 25 giornalisti inviati di guerra. “Afganistan-Italia. Isaf 2001-2014” è stato consegnato al premier Matteo Renzi che ha inviato al fotografo questo messaggio: «Caro Picchio, grazie di cuore. A presto»
- caricamento letture
Guido Picchio con il suo libro

Guido Picchio con il suo libro

di Marina Verdenelli

L’Afghanistan e le sue emozioni in un libro di Guido Picchio. Così il fotoreporter maceratese ha catturato con i suoi scatti tredici anni della missione italiana dei nostri soldati partiti non per fare la guerra ma per portare aiuto e improntare le basi di una desiderata pace.  Ottanta pagine dove trasuda il conflitto ancora oggi senza fine di una terra che ha solo voglia di rinascere. Ottanta pagine dove Isaf è il nome in codice della missione di pace. Per Picchio, fotografo di punta della testata online Cronache Maceratesi, è il 19esimo libro prodotto nella sua vita ma il primo che tocca con mano un teatro operativo dove oltre ai militari rischiano la vita anche giornalisti e fotografi, spesso partiti embedded (a seguito dell’Esercito Italiano). «Ho fatto questo libro – spiega Picchio, commosso dopo due mesi di lavoro spesi a scegliere le foto e a organizzare la stampa e l’uscita – per ricordare le 53 vittime dell’Esercito Italiano che non sono andate in Afghanistan a fare la guerra ma a portare un po’ di civiltà».

Guido Picchio con la redazione di CM

Guido Picchio con la redazione di CM

Sfogliando le pagine si trovano 25 testimonianze, dei principali inviati di guerra del panorama nazionale e internazionale. Giornalisti della carta stampata e cronisti televisivi delle principali emittenti compresa Al Jazeera con Barbara Serra (Londra). Ci sono Adriano Sofri di Repubblica, Giovanna Botteri della Rai (l’inviata a New York), Alberto Negri de Il Sole 24 ore, Mirko Polisano de Il Messaggero, la fotoreporter Neige De Benedetti, Duilio Giammaria del Tg1, Sandro Petrone del Tg2, Franco Di Mare di Uno Mattina, Franco Semprini de La Stampa (New York), Maurizio Salvi Ansa (New Delhi), Carmela Giglio giornale Radio Rai, Ettore Guastalla RaiNews, Vincenzo Sinapi Ansa, Lao Petrilli Rds-La Stampa, Fabio Angelicchio La7, Francesco Battistini Corriere della Sera, Pino Scaccia Tg1, Fausto Biloslavo Il Giornale, Lorenzo Bianchi Il Resto del Carlino-Nazione-Giorno, Enrico Bellano Tg1, Giampaolo Cadalanu La Repubblica, Toni Capuozzo Tg5, Antonio Carlucci L’Espresso (New York), Gianadrea Gaiani Analisi Difesa, Enzo Nucci Rai (Nairobi) e Lucia Goracci RaiNews. Nel libro c’è anche Enrico de Maio inviato speciale d’Italia in Afghanistan (2001-2014). E ancora il generale Mauro Del Vecchio, comandante Isaf 2005-2006. Il fotografo Picchio ha raccolto anche la testimonianza di padre Giuseppe Moretti, Barnabita, originario di Recanati, che ancora oggi è in Afghanistan. C’è anche il cappellano della base militare, padre Mariano Asunis (Brigata Sassari).

Kabul, Herat, i lince, le mine antiuomo, i droni, le divise, i giubbotti antiproiettili, il carcere femminile, i bambini feriti e gli aiuti umanitari. Pagine che aiutano a ricordare un periodo storico ancora presente.

Afghanistan libro Picchio 1

Colpisce l’immagine di un papà con il suo bambino che cammina in una distesa di sassi e terra bianca portando con sé un vitello e un agnellino, tutto il suo avere in una guerra che ha spazzato via ogni bene.

Colpisce la foto di un presidio medico improvvisato dove un militare visita un bambino e a poca distanza il resto del contingente che armi in pugno difende l’area da un possibile attacco talebano. Afghanistan libro Picchio 2

C’è anche tanto altro nel libro di Picchio. La neve che gela i capelli di un ragazzino vestito di coperte perché in Afghanistan mancano indumenti, c’è la consegna dei pacchi di riso, perché manca il cibo, c’è la consegna dei giochi perché manca il diritto di essere bambini e c’è la sezione femminile del carcere di Herat dove finiscono anche i figli delle detenute donne, per poter stare con le proprie mamme almeno fino al raggiungimento dei sei anni di età e ci sono le foto dei militari oggi caduti.

Afghanistan libro Picchio 3

 

Afghanistan libro Picchio 4

Il carcere femminile di Herat, sullo sfondo la figlia di una detenuta

«L’Afghanistan ti segna come esperienza – continua Picchio – io sono entrato nel carcere maschile, faccia a faccia con i talebani incatenati mani e piedi, condannati a morte. Non è stato facile. Ho visto l’ospedale dove c’erano i bambini saltati sulle mine e dilaniati dalle schegge, manine e braccia amputate. Non dormi pensando a quelle immagini».  Il libro, per ora stampato in 2mila copie, ha visto la collaborazione di Erika Mariniello, giornalista e video-maker, per il coordinamento editoriale, e di Lucrezia Benfatto, fotografa, per la grafica e l’impaginazione. Entrambe in forza alla redazione di Cronache Maceratesi.

La redazione di Cm con Guido Picchio

La redazione di Cm con Guido Picchio

 

Guido Picchio con Paolo Notari (La Vita in diretta) nella presentazione a Roma

Guido Picchio con Paolo Notari (La Vita in diretta) nella presentazione a Roma

La raccolta fotografica di Picchio è stata presentata ieri a Roma al comando generale dello Stato Maggiore dell’Esercito. Poi è seguita una presentazione con alcuni dei giornalisti protagonisti del libro. C’erano Alberto Negri e Duilio Giammaria. Si sono uniti alla serata anche i cronisti Salvo Mazzolini, di origini maceratesi, Paolo Notari della Rai e l’amico di Picchio Andrea Angeli.

Il libro è stato consegnato al premier Matteo Renzi che ha risposto con una lettera scrivendo: «Caro Picchio, grazie di cuore. A presto». Il fotografo maceratese ha omaggiato la redazione di CM della sua opera presentandola in anteprima per la sua Macerata la settimana scorsa al ristorante Da Secondo.

La lettera del presidente del consiglio Matteo Renzi

La lettera del presidente del consiglio Matteo Renzi

 

Guido Picchio con Duilio Giammaria (Tg1), Alberto Negri (Il Sole 24 Ore) e un amico

Guido Picchio con Duilio Giammaria (Tg1), Alberto Negri (Il Sole 24 Ore) e un amico

 

Salvo Mazzolini e Angeli

Mazzolini e Angeli

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X