Il mitra di Bombolo
che sparava amicizia

Settant’anni fa, dopo la Liberazione. Un racconto “vero” di Giordano De Angelis. Un appello alla concordia anche per il presente
- caricamento letture

liuti-giancarlodi Giancarlo Liuti

“Adèra più largu che ardu e soprattutto piuttosto rutunnittu. Ecco perché tutti quandi lu chjamava Vombolo. Issu non se ne pijava. Anzi, adèra condéndu, perché adèra sicuru che quillu, più che un soprannome, adèra un quarghe cόsa che vulìa dì “Te vulimo vè”. Vombolo non se sbajava: comme se putìa non volé bene a unu che se facìa in quattro ogni òrda che c’era da jutà a chiungue ciavìa visognu? Da lu niguzzittu, ndò vinnìa tutte cianvrusaje, jé ce scappava, sci e no, de no’ murisse de fame. Capirai, la guera, che adèra scoppiata da più de tre anni, avìa ridutto lu paese tutta ‘na ruvina. Le poche persό che adèra rimaste (cό’ li jonotti tutti a fa’ la guera) adèra solo vècchi e bardascitti. Certe òrde, se quarcuno non se ‘rtroava li sòrdi, jé ce scappava pure de da’ quarghe cosa a criccu: quarghe mmolletta pé li pagni, mbό de carburo pé la citilene e magari anghe quarghe striscia de carta ppiccicosa pé cchiappà le mosche. Ma la jende non ghjava llì solo per combrà; se fermava anghe per parlà con issu, de tutto: de chi ciavìa quarghe familiare a fa’ la guera, de chi ciavìa quarghe malatu su ‘n casa, de quanno putìa finì la guera e … addro”.
Questo è l’inizio di un racconto in dialetto scritto da Giordano De Angelis in ricordo di una vicenda che quando lui aveva poco più di dieci anni gli fu narrata da suo padre Lauro, marmista con mani d’artista, al quale l’aveva riferita un amico, appunto “Bombolo” o, in gergo, “Vombolo”. Un vicenda che riguardava gli anni della guerra e dell’immediato dopoguerra, alla quale lo stesso Vombolo non attribuiva molta importanza e, anzi, preferiva tenerla per sé (ben altre ce n’erano, in quei tragici mesi del 1943 e del 1944, tutte più grandi, e lui se ne rendeva conto e magari temeva di non essere capito). Però a Giordano è rimasta nel cuore ed ha assunto toni quasi fiabeschi, ma, come vedremo, con un significato che da quel passato si collega al nostro presente, sicché lui, fedele al dialetto e per una volta trasferendolo dalla poesia alla prosa, l’ha rievocata, appunto, in un testo che si pone a mezza strada fra la verità e la fantasia, ma non senza riferimenti, benché indiretti e inespressi, al clima umano attuale in cui prevalgono egoismo individuale, indifferenza per gli altri, linguaggi di violenza se non perfino di odio fra opposti estremismi, una rabbiosa incapacità di distinguere le ragioni dai torti e i torti dalle ragioni, la disgregazione nei partiti, un’informazione incline al catastrofismo.
Tutto accadde a Matelica, dove “Vombolo”, maceratese di origine ma lì proprietario di un piccolo negozio, fece un gesto che oggi, nel settantesimo anniversario della liberazione della nostra terra, acquista un valore simbolico e testimonia sentimenti, ideali, tensioni civili. Ma chi era in realtà questo “Vombolo”? Giordano si limita a citarne il soprannome, come lo chiamava suo padre Lauro, e più oltre non si spinge. “Vombolo”, dunque, deve bastare. Lui stesso, del resto, non usava vantarsi di quel gesto, che gli sembrava assolutamente naturale ma allora, forse, non condivisibile perché troppo “buonista”.

La cerimonia in Prefettura per i 70 anni dalla Liberazione

La cerimonia in Prefettura per i 70 anni dalla Liberazione

“’Na sera, pόco prima de chiude, mentre che statìa parlenno, comme ar solito, cό’ la jende, jé scappò ditto che la resconsabbilità de tutte ‘lle disgrazie adèra de Mussulini. Non facì a témbu neanghe a finì ‘llu nome che jé te ‘rrigò un cazzottu tra lu naso e la vocca. – Cuscì te ‘mbari a fa’ lu disfattista – jé sgagghiò Italo, lu fascista – e ringrazia Iddio se non te vaco a dinungià –. Eppò scappό. Vombolo varcollò u’ mbό, se tinì per miraculu e pό’ cό’ lu fazzulittu putì rcoje tutto lo sangue che jé scappava a pisciarellu. Nnisciù se ‘zzardò a dì quarghe cόsa. Unu per unu, ‘mbauriti, cumingiò a scappà da lu negoziu. Quarchidù ‘rmanì a jutà a Vombolo a rpulisse e a chjude lu negoziu”. Chi era Italo? Il padre di Giordano lo sapeva ma non glielo disse, forse, lui come Vombolo, non intendeva riaprire vecchie ferite.
“Dopo quarghe mese ce fu l’armistizio e per u’ mbό de jorni se facì festa, convindi che la guera ormai adèra finita. Invece, pόco dopo, se capì che lo pegghjo duvìa angόra vinì. Lu paese e tutto indorno se cumingiò a rimbì de sordati tedeschi e de camìsce nere. Li sordati italiani, rvinuti da lu fronde, se jette a nnabbuscà suppe le mondagne. Cumingiò, ‘ccuscì, li rastellamendi che li fascisti e li tedeschi facìa pé’ cchiappà a tutti quilli che statìa su le mondagne e a quilli pόchi ommini non angόra vecchi che statìa in paese. (…) Fu ccuscì che Vombolo divendò partigianu”.
“Passò l’inverno e cό’ la primavera rigò l’alleati e li partigiani a libberà lu paese. Anghe Vombolo, ccuscì, putì cόre a ‘bbraccià a tutti li paesani e li paesani rispunnìa tirenno li fiuri. Però Vombolo non s’adèra scordatu de Italo, de lo cazzottu che jè facì scappà lo sangue a pisciaréllu ,eppό avìa saputo che, mendre che ce statìa la guera, Italo avìa fatto anghe la spia. Curì verso casa de Italo e cό’ lu mitra su le ma’ bboccò quasi sfonnenno la porta. Italo tremava comme ‘na foja e ‘ccuscì anghe la moje e li fiji che Vombolo, cό’ lu mitra spianatu, avìa fatto ppogghià llà lu muru de la cucina. Vombolo fissò per u’mbό lu sguardu de Italo. Pogghjò lu mitra sopra lu tavulì e, unu per unu, li ‘bbracciò e li vasciò a tutti. Pό, senza dì gnende, ‘rpijò lu mitra e scappò de fòri. Se, scappènno, ciavìa l’όcchi ummidi non s’è saputo mai”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X