False residenze a Macerata
per sconti sulla Rc Auto

Maxi truffa sulle polizze scoperta dalla Polizia stradale delle Marche: 53 persone denunciate in tutta la regione, due nel Maceratese
- caricamento letture

 

assicurazione-auto-352x288di Gianluca Ginella

False polizze Rca auto, denunciate 53 persone dalla Polstrada Marche. L’indagine riguarda anche Macerata, in provincia sono due le persone indagate.
Tutto comincia da incidenti stradali, avvenuti nel 2012, di automobilisti che avevano assicurazioni false e non regolari. Numerosi incidenti. E la polizia stradale Marche si è insospettita, avviando una indagine. Anche perché la stessa cosa succedeva sia nell’Anconetano, che nel Maceratese, che nell’Ascolano. Cominciano così le indagini delle squadre di polizia giudiziaria compartimentali e provinciali, sotto la direzione del comandante del compartimento della Polstrada, Emilio Guerrini. E viene fuori che numerosi automobilisti che risiedono in regioni dove c’è un alto tasso di incidenti – e dunque di assicurazione si paga parecchio – avevano presentato documentazioni false a ignare compagnie assicuratrici, riuscendo a pagare un premio molto più basso rispetto alla polizza che avrebbero dovuto pagare. Per farlo avevano semplicemente mutato la residenza dalle regioni con più alto tasso di incidenti, dove in realtà risiedono, alle Marche. Nel corso delle indagini è stata anche scoperta, ad Ancona, una stamperia di documenti assicurativi con relativo tariffario. Nel Maceratese sono due le persone indagate. Si sarebbero occupati di aiutare automobilisti a figurare residenti a Macerata, piuttosto che dove hanno l’effettiva residenza, in regioni dove, come detto, di assicurazione si paga ben di più. In totale sono 53 le persone denunciate in tutta la regione. Numerose auto e 5 veicoli commerciali sono stati sequestrati perché privi di assicurazioni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X