L’Atac cede l’extraurbano
e i cittadini rimangono a piedi

CIVITANOVA - Dal 30 giugno la Contram riprende le tratte non urbane, ma fra i passeggeri esplode il malcontento, ridotte le coincidenze
- caricamento letture

pullman atac

di Laura Boccanera

“Dal 30 giugno saremo lasciati a piedi dall’Atac”. Proteste nella zona nord di Fontespina, nel quartiere IV Marine da parte di un gruppo di pendolari che a causa della cessione delle corse extraurbane non vedono più garantita la possibilità di utilizzare i mezzi pubblici per recarsi a lavoro. A farsi portavoce della protesta è Elisabetta Gasperoni che ogni mattina alle 6.30 prende l’autobus che parte da Porto Potenza e arriva alle 6.40 a Civitanova. Da lì ha la coincidenza per la zona industriale di santa maria apparente alle ore 7. Un sistema che viene completamente sballato per la nuova iniziativa. Da domenica infatti le corse extraurbane dell’atac passano alla Contram che però non rispetta gli stessi orari e Elisabetta si ritrova appiedata: “la prima corriera della Contram passa alle 8.30 e anche le corse del primo pomeriggio e del rientro serale vengono completamente sballate.  Potrei arrivare fino alla bocciofila (Fontespina) e prendere l’autobus urbano, peccato che il primo passa alla 7, esattamente quando ho la coincidenza per l’altro mezzo. Così non va, non si può completamente tagliare fuori un quartiere”. La mattina ad utilizzare quella tratta sono una decina di persone, ma nelle fasce orarie successive il numero di utenti aumenta. Un errore secondo l’opposizione restituire alla Contram l’extraurbano: “Si e’ deciso irresponsabilmente, di restituire a prezzo zero alla Contram, titolare della tratta, i 94.000 Km di trasporto extraurbano in sub-appalto, quando invece poteva essere ceduto alla società potentina, l’intero ramo di azienda della linea blu, incassando un corrispettivo di 130.000 euro.  A essere penalizzati saranno tutti i civitanovesi, perché dal primo luglio, le corse di collegamento con Porto Potenza, saranno dimezzate da 12 a 6”.  Ma l’amministratore delegato dell’Atac Sergio Cognigni rassicura i passeggeri: “entro 60 giorni ci sarà una re definizione delle tratte urbane e ovviamente non lasceremo isolate alcune zone di Civitanova, anzi estenderemo a nord il servizio fino al confine con Porto Potenza e anche ad ovest verso Santa Maria Apparente copriremo tutto il territorio urbano. Per qualsiasi dubbio o domanda è attivo il centralino dalle 8 alle 13 al numero 0733817408”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X