Tra Tolentino e Pollenza
un “puzzle” di grano
per la migliore pasta italiana

Da trent’anni il Cermis di Abbadia di Fiastra studia e sperimenta ogni varietà di frumento
- caricamento letture
Antonella

Antonella Petrini “controlla” la maturazione del grano

di Alessandro Feliziani

Una distesa di colori ampia come quindici campi di calcio, con oltre duemila sfumature di verde e di giallo. Avrebbe fatto la felicità dei pittori impressionisti di fine ‘800, ma non è un dipinto. A modo suo, però, è un’opera d’arte in natura che ogni anno inizia a formarsi tra la fine dell’autunno e le prime settimane dell’inverno, per giungere al massimo del suo splendore di colori tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. Parliamo dei tredici ettari di terreno, dislocati tra le località Rancia di Tolentino e Rambona di Pollenza, utilizzati dal Cermis per la sperimentazione e il confronto variatale di grano duro, grano tenero, orzo e farro. Il Centro ricerche e sperimentazione per il miglioramento vegetarle (Cermis) –  intitolato a Nazareno Strampelli (1866 – 1942), il più importante esperto italiano di genetica e agronomia della prima metà del XX secolo, nato a Crispiero di Castelraimondo – è uno dei pochi istituti attivi in Italia nel campo delle ricerche sui cereali e tra i suoi clienti figurano alcune delle maggiori società sementiere internazionali, nonché diversi noti pastifici del nostro Paese. Alimento simbolo del mangiare italiano, la pasta è la regina incontrastata delle nostre tavole. Di spaghetti, penne, fusilli e altri tipi di pasta se ne producono in Italia tre milioni e mezzo di tonnellate l’anno, per un valore superiore ai quattro miliardi di euro. “C’è pasta e pasta, perché c’è grano e grano” ci dice Antonella Petrini, perito agrario del Cermis, che da pochi giorni ha finito di coordinare e sovraintendere alle operazioni di semina di oltre duemila varietà di frumento nei campi di sperimentazione.

campiRancia

Il campo sperimentale in località Rancia di Tolentino

Ogni varietà di grano è seminata in uno scacco di terra che misura due metri per cinque. Questi piccoli rettangoli sono affiancati l’uno all’altro, come a formare un grande “puzzle”, per poter  osservare meglio le differenze dei tempi di maturazione, e successivamente di resa, tra una varietà e l’altra. Nella zona Rancia si sperimenta la coltura tradizionale, mentre a Rambona la coltivazione con il sistema di “agricoltura biologica”. Nella sua sede di Abbadia di Fiastra, il Cermis possiede celle frigorifere per la conservazione del germoplasma, strumenti per la selezione e la concia delle sementi, ma anche attrezzati laboratori per la realizzazione delle analisi della qualità dei cereali (caratteristiche reologiche, proteine, ceneri, colore), e attrezzature informatiche in grado di acquisire ed elaborare i risultati delle “sperimentazioni in campo”. Quest’anno il Cermis taglia il traguardo dei 30 anni di attività, essendo stato costituito nel 1983 dalla Camera di commercio di Macerata, dalla Provincia e dalla Fondazione Giustiniani Bandini. Attualmente ne fanno parte anche alcune società e consorzi del settore, ma il Centro statutariamente  continua a non avere finalità di lucro. Da sempre è presieduto dall’agronomo Gino Pasquali, il quale per questa sua trentennale attività ha ricevuto recentemente anche un pubblico riconoscimento da parte della Facoltà di agraria dell’Università di Perugia. “Il Centro – spiega Pasquali – si pone come anello di congiunzione fra la ricerca di base e i centri di divulgazione.

laboratorio

Il laboratorio del Cermis

E’ finanziato dagli associati, tuttavia la parte più rilevante dei finanziamenti deriva dai servizi di sperimentazione e ricerca che svolge”. Il Cermis ha intrapreso collaborazioni con la Regione Marche, con l’Assam delle Marche e analoghe agenzie di altre regioni, l’Enea di Roma, Facoltà di agraria di diverse università, l’Istituto nazionale di nutrizione di Roma, gli istituti di genetica e sperimentazione di Lonigo (Vicenza) e Caltagirone (Catania), l’Istituto Germoplasma di Bari e diversi centri di ricerca privati. Per tutti questi istituti, il Cermis svolge anche attività di ricerca sui legumi (ceci, lenticchia, cicerchia), nonché sulla fertilità dei suoli e sulle moderne tecniche agronomiche con studi sull’uso dei fertilizzanti organici e la verifica di percorsi a limitato impatto ambientale. Da alcuni mesi il Centro di Abbadia di Fiastra ha avviato, con il finanziamento del PSR regionale delle Marche, un progetto di filiera di agricoltura biologica che coinvolge le cinque maggiori cooperative marchigiane del settore della pasta.

MarianoAntonella

Mariano Antonelli e Antonella Petrini nella sede del Cermis

Paaqualitarga

Il presidente del Cermis Gino Pasquali premiato dall’Università di Perugia

sedeCermis

La sede del Cermis ad Abbadia di Fiastra

semina

Una fase della semina dei giorni scorsi

tavolozzasemi

Una “tavolozza” di sementi

tecnicolaboratorio

Un tecnico al lavoro nel laboratorio



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X