Tar Marche: il presidente Passanisi
sospeso per corruzione

Al suo posto il consigliere anziano Gianluca Morri
- caricamento letture
luigi_passanisi

Luigi Passanisi

Il Tar Marche resta senza presidente. Luigi Passanisi, infatti, è stato sospeso dopo tre mesi dalla condanna per corruzione in atti giudiziari: era accusato di aver «venduto» una sentenza del Tar di Reggio Calabria nel 2005, quando ne era presidente. Il presunto corruttore, condannato a quattro anni, è Amedeo Matacena, imprenditore e deputato di Forza Italia dal 1994 al 2001, già coinvolto in un’inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa, nella quale dopo un’assoluzione annullata dalla Cassazione è stato condannato in secondo grado a cinque anni. Secondo la Procura e il tribunale, Passanisi aveva accettato la promessa di ricevere 200 mila euro dal deputato per favorire le sue società di navigazione in alcuni ricorsi contro l’Ufficio marittimo.
Il posto di Passanisi potrebbe restare vuoto a lungo vuoto visto che il giudice non è intenzionato a rassegnare le sue dimissioni e questo sarebbe l’unico caso in cui potrebbe essere sostituito. Ha preso il suo posto Gianluca Morri, il consigliere più anziano, impegnato d’ora in poi sia come presidente che come relatore. 
Il caso di Passanisi che finora era rimasto al suo posto era finito anche in Parlamento. I parlamentari marchigiani Magistrelli, Agostini, Giovanelli e Cavallaro avevano infatti sotoposto all’attenzione del governo Monti la questione con una interrogazione parlamentare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X