“Un protocollo di intesa che salvaguardi la cultura maceratese”

La proposta di Federica Curzi e Gabriele Micarelli (Pensare Macerata)
- caricamento letture
Gabriele Micarelli

Gabriele Micarelli

 

Dall’assessore Federica Curzi e dal consigliere di amministrazione dell’Apm Gabriele Micarelli, entrambi di Pensare Macerata, riceviamo:

Occorre oggi più che mai una pianificazione strategica dei fondi  pubblici, uscire da una logica soltanto emergenziale dei finanziamenti e abbattere l’opinione comune che in tempi di crisi l’ultima delle preoccupazioni deve essere la cultura. Una delle peculiarità della nostra lista civica Pensare Macerata è la salvaguardia e la cura del mondo associativo. Oggi facciamo esplicito riferimento al mondo culturale, che sa esprimere innovazione ed eccellenza dal basso e con il coinvolgimento di gran parte della città.

Siamo oggi preoccupati per il destino di alcune attività culturali che hanno fatto e fanno l’identità della città di Macerata e che rischiano di rimanere schiacciate dal peso dei tagli e della mancanza di risorse. Ci riferiamo agli eventi e realtà culturali riconosciuti, a vere e proprie eccellenze che caratterizzano da anni il panorama territoriale e che rischiano di scomparire.

L'assessore Federica Curzi

L’assessore Federica Curzi

A tal fine proponiamo che a margine della costruzione del bilancio 2013 sia fatta un’operazione di tutta trasparenza e valutazione strategica tra la giunta comunale di Macerata e il cda dell’APM in cui vengano definite in modo collegiale e progettuale le attività culturali da garantire alla città per l’anno in corso. Le associazioni e tutte le categorie del mondo produttivo stanno vivendo un momento drammatico. Ancora peggio sarebbe tenere in ostaggio dei tagli e della crisi quelle attività che danno la spinta dal basso alla vocazione cultuale di Macerata. Oltre a Musicultura e Macerata Opera esiste un mondo di operatori della cultura, della musica e dello spettacolo che lotta ogni giorno contro il rischio di chiudere esperienze di grande valore artistico per la nostra città. Dobbiamo programmare ora il futuro della cultura, evitando di correre quotidianmente dietro alle emergenze o alla ricerca spot di finanziamento dell’ultimora, relegando tra l’altro le associazioni nell’angoscia nemica della creatività.

Proponiamo perciò di stilare un protocollo di intesa tra giunta comunale e APM, in cui si descrivono le linee guida per lo stanziamento di fondi alla cultura maceratese, alle eccellenze che si intendono salvaguardare e promuovere. Un protocollo da stipulare insieme, trasparente e aperto, capace di definire una programmazione all’inizio dell’anno. Facciamo questo appello  e di questo ci facciamo portavoce negli organismi di cui facciamo parte”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X