La lapide della discordia cela un falso storico

La chiesa maceratese dedicata a San Filippo non fu la prima al mondo dopo la sua canonizzazione, come scritto sulla facciata
- caricamento letture
La lapide nella facciata della chiesa di San Filippo

La lapide nella facciata della chiesa di San Filippo

rsz_santi_ditaliadi Gabor Bonifazi

Ho buone ragioni per ritenere che quel “Templum S. Philippo Neri Primum in Orbe” sulla lapide appena affissa sull’incompiuta facciata della chiesa di san Filippo sia un po’ eccessivo. Un equivoco probabilmente scaturito dal libricino di Enrico Bettucci, “La prima Chiesa dedicata in tutto il mondo a S. Filippo Neri dopo la sua canonizzazione”, Macerata, 1894. Ritengo infatti che la notizia di questo ennesimo primato vada approfondito da quei consulenti (architetti o ingegneri) dei vescovi che hanno sostituito di recente i colti canonici che sedevano nel Capitolo del Duomo delle varie diocesi e arcidiocesi della provincia. Animato da questa curiosità ho fatto una piccola ricerca perché, come diceva il compianto Febo Allevi, l’ignoranza di uno finisce per diventare la cultura per tanti. Dopo aver consultato alcuni libri di storia locale, ho trovato le risposte che cercavo su un testo classico: Alfredo Cattabiani,  Santi d’Italia, Rizzoli, Ariccia, 1993, alle pagine 372-375. Il Cattabiani così riassume la vita di Filippo Neri (Firenze 1515 – Roma 1595) canonizzato nel 1622: “Il fondatore della Congregazione dell’Oratorio fu uno degli apostoli della Roma cinquecentesca proponendo una spiritualità basata sulla tenerezza, sulla prevalenza delle mortificazioni spirituali su quelle materiali e su una irresistibile allegrezza”.
Poi ho verificato le notizie acquisite in internet ed è venuto fuori che almeno le chiese di san Filippo di Perugia e di Torino sono antecedenti a quella nostra dedicata a Pippo Buono. Tuttavia è possibile che gli storici di ieri e i compilatori d’oggi si riferissero ad un meglio identificato edificio religioso precedente. Nulla a che vedere con l’attuale Templum… Primum In Orbe.

***

Articoli precedenti:
La Chiesa di San Filippo è una perla, peccato per quella lapide (leggi l’articolo)

Stranezze e paradossi nella Civitas Mariae (leggi l’articolo)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X