Da Civitanova a Macerata in motorino
Tafferugli nei pressi dello Sferisterio

SCONTRI PRIMA DEL DERBY, IL BOLLETTINO DELLA QUESTURA - Una cinquantina di supporters rossoblu hanno raggiunto la città passando per i colli. Nessun ferito. I responsabili sono in corso di identificazione da parte della polizia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Maceratese-Civitanovese-61

Non è bastato il robusto servizio d’ordine predisposto dalle forze di polizia per evitare che alle fine gruppi di supporters della Maceratese e della Civitanovese in qualche modo venissero in contatto. E’ successo prima della partita, nella zona compresa fra lo Sferisterio e Rampa Zara, e fortunatamente non ci sono stati feriti. Ad aggirare il cordone che avrebbe fatto in modo di non far incontrare le due tifoserie – riferiscono dalla Questura –  è stato un nutrito gruppo di tifosi della Civitanovese formato da almeno una cinquantina di persone che ha pensato bene di partire dalla propria città a bordo di scooter e motorini, passando per Montelupone ed evitando così di entrare a Macerata per Villa Potenza o Piediripa, dove massiccia era la presenza delle forze dell’ordine. Saliti dalla Pace, sono arrivati a Macerata diversi minuti prima della partita e tra lo Sferisterio e Rampa Zara, non è chiaro se casualmente o meno, si sono incontrati con un gruppetto di tifosi della Maceratese e in un attimo sono scoppiati i tafferugli, conditi da un lancio di sassi e addirittura dal lancio di un vaso di gerani da un balcone. Nessuno si è fatto male, almeno seriamente, grazie al tempestivo intervento della polizia che pattugliava con dieci auto la città e una di queste transitava proprio da quelle parti. All’arrivo della prima Volante, raggiunta nell’arco di pochi minuti da altre auto di servizio, c’è stato il fuggi fuggi generale che, però, non ha impedito agli agenti di annotare i numeri delle targhe degli scooter e dei motorini. In queste ore sono in corso le identificazioni che porteranno agli inevitabili provvedimenti nei confronti dei responsabili. La notizia dei tafferugli si è diffusa rapidamente e in modo incontrollato anche allo stadio Helvia Recina, creando potenziali problemi di ordine pubblico che, però, non si sono verificati per il massiccio e capillare controllo svolto sia all’interno dello stadio che nei pressi.

(redazione CM)

(foto Cronache Maceratesi, vietata la riproduzione)

Maceratese-Civitanovese-91

Il Questore Gentile allo stadio

Maceratese-Civitanovese-81     Maceratese-Civitanovese-541   Maceratese-Civitanovese-551   Maceratese-Civitanovese-561   Maceratese-Civitanovese-571



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X